Forlì

Giovane barista imolese tenta di rubare cinque playstation al centro commerciale

La ragazza ha 22 anni. Aveva occultato le consolle in sporte schermate da sacchetti di alluminio che però non sono bastati per evitare l'antitaccheggio

Giovane barista imolese tenta di rubare cinque playstation al centro commerciale
| Altro
N. Commenti 0

23/gennaio/2019 - h. 17.41

FORLì - Ventiduenne, barista, incensurata. Davvero insolito il profilo con cui si sono trovati ad avere a che fare i poliziotti di Forlì nella giornata di martedì. La giovane, imolese, è stata fermata al centro commerciale Punta di Ferro per aver tentato di rubare ben cinque Playstation all'Unieuro, per un valore totale di 1.600 euro. 

La ragazza secondo quanto ricostruito dalla polizia ha prelevato dagli scaffali le cinque consolle riponendole all’interno di due grandi buste in carta modificate con schermature in alluminio, con la speranza che queste fossero sufficienti per evitare l’attivazione del segnale di allarme antitaccheggio. Purtroppo per lei, invece, al momento in cui si è trovata a superare le colonnine di rilevamento installate a fianco della cassa, è scattato il segnale sonoro che ha permesso l’immediato intervento dell’addetto alla sicurezza, che l’ha immediatamente bloccata chiamando anche la Polizia di Stato. 

Gli agenti intevenuti hanno perquisito la donna recuperando la merce sottratta e accertando le modifiche apportate ai contenitori, per l’appunto con l’applicazione della pellicola di alluminio. La giovane è stata accompagnata in Questura, da dove è stata rilasciata più tardi con la notifica della denuncia alla Procura della Repubblica, e la consegna del foglio di via obbligatorio disposto dal Questore, con divieto di ritorno in città per tre anni.

Proseguono le indagini per verificare se la giovane abbia agito da sola o con la collaborazione di altri; inoltre, tenuto conto della particolare specializzazione dimostrata, altri accertamenti saranno necessari per capire se in passato, anche in altri negozi, la ragazza si sia resa responsabile di reati dello stesso tipo. Si cercherà anche di capire a chi fosse destinata la merce di cui è stata tentata la sottrazione.