Romagna

Inquinamento ancora oltre i limiti: stop agli Euro 4

A Ravenna, Lugo, Faenza, Riccione, Rimini e Imola misure straordinarie contro lo smog

smog
| Altro
N. Commenti 0

18/febbraio/2019 - h. 18.16

Sulla base dei risultati odierni del bollettino Liberiamolaria che mettono in evidenza il superamento dei limiti massimi di polveri sottili in quasi tutti i comuni dell’Emilia Romagna con popolazione superiore ai trentamila abitanti nei tre giorni consecutivi e precedenti a oggi, da domani, martedì 19 febbraio, oltre alle misure di limitazione della circolazione già in vigore dal lunedì al venerdì, scatteranno ulteriori limitazioni. Tali misure saranno in vigore fino a giovedì 21 febbraio compreso. Lo stesso giovedì 21 sarà emesso il nuovo bollettino della qualità dell’aria, che darà indicazioni per i giorni successivi. I territori interessati sono Ravenna, Faenza, Lugo, Riccione, Rimini e Imola.


Le ulteriori limitazioni sono:

estensione del divieto di transito anche ai veicoli diesel euro 4 dalle 8.30 alle 18.30 (oltre a quelli precedenti l’euro 4, ai veicoli a benzina precedenti l’euro 2 e ai ciclomotori e motocicli precedenti l’euro1, per i quali vige già il divieto, sempre dalle 8.30 alle 18.30)
· il divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli
· il potenziamento dei controlli sui veicoli circolanti in base alle limitazioni della circolazione in vigore
· il divieto di uso (in presenza di impianto alternativo) di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa con classe di prestazione emissiva inferiore alle 4 stelle
· l’abbassamento del riscaldamento fino ad un massimo di 19°C (+ 2 di tolleranza) nelle case, negli uffici, nelle attività ricreative, di culto, commerciali e sportive e 17°C (+ 2 di tolleranza) nei luoghi che ospitano attività produttive e artigianali (sono esclusi ospedali ed edifici assimilabili, scuole e edifici assimilabili);
· il divieto di combustione all’aperto (residui vegetali, falò, barbecue, fuochi d’artificio ecc...);
· il divieto di spandimento di liquami zootecnici senza tecniche ecosostenibili.