Bologna

Morto il bambino caduto dal carro in via Indipendenza

Gianlorenzo Manchisi è morto per le ferite riportate. Aperto un fascicolo in procura. I carabinieri svolgono accertamenti sul carro

Fotorepertorio
| Altro
N. Commenti 0

07/marzo/2019 - h. 13.00

BOLOGNA E' morto Gianlorenzo Manchisi, il bambino di due anni e mezzo che è caduto nella giornata del 5 marzo in via dell'Indipendenza a Bologna durante la sfilata dei carri di Carnevale. Il procuratore capo di Bologna Giuseppe Amato spiega che è stato aperto  un fascicolo per lesioni colpose, per adesso contro ignoti. Fascicolo che ora sarà purtroppo aggiornato ad omicidio colposo. Tra le verifiche da fare, capire se il carro fosse o meno a norma. Le operazioni di soccorso  "sono state assolutamente coerenti con le circostanze spazio temporali dell'accaduto e bisogna tenere conto delle condizioni del bambino dopo l'incidente". L'Ausl ha inviato una nota con la tempistica: la prima chiamata è arrivata alle 14.50, la seconda sette minuti dopo. Alle 15.41 il bimbo era ricoverato al Maggiore, dopo essere stato intubato. Prima, secondo la ricostruzione, avrebbe sbattutto la testa poi è stato colpito dal mezzo. Ad accorgersi dell'accaduto e fermare il carro sono stati gli spettatori. Il conducente - tra grida e coriandoli - non si era infatti accorto dell'accaduto. 

Le indagini La Sezione Investigazioni Scientifiche del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Bologna è stata incaricata dalla Procura  di effettuare i rilievi tecnici sul carro di carnevale dal quale è caduto il piccolo. Il mezzo, che è stato posto sotto sequestro subito dopo l’incidente da parte dei Carabinieri della Stazione Bologna Indipendenza, sarà sottoposto alle misurazioni ed ai rilievi fotografici necessari a valutare la rispondenza o meno del manufatto alle norme previste per questo tipo di manifestazioni. Proseguono, inoltre, gli accertamenti finalizzati ad accertare l’esatta dinamica della tragedia e le eventuali responsabilità degli organizzatori.

Il commento del sindaco Virginio Merola: "Ci sono tragedie che ci mettono in silenzio. Per questo, con poche parole, esprimo il mio più sentito cordoglio a nome di tutta la città alla famiglia del bimbo coinvolto nell'incidente durante il Carnevale. Da rappresentante di questa comunità ringrazio dal profondo del cuore tutti coloro che si sono prodigati per lui".