Faenza

La dimora storica Villa Graziani è stata venduta all'asta per 146mila euro

Sette i partecipanti all'asta che partiva da un prezzo base di 30mila euro. Decisiva la scelta di vendere on line l'immobile tramite il network dell'azienda faentina It Auction

La dimora storica Villa Graziani è stata venduta all'asta per 146mila euro
| Altro
N. Commenti 0

07/marzo/2019 - h. 16.47

FAENZA -  Oltre quel cancello, guardato a vista da due imponenti e secolari ippocastani, da oggi si intravede finalmente un orizzonte di futuro. L'ampio lotto comprendente la storica Villa Graziani, immobile padronale di fine Settecento già appartenuto al Seminario ecclesiastico che ne fece una scuola prima della vendita a privati, è stato aggiudicato mediante asta online al prezzo di 146mila euro

La vendita della dimora, da molti conosciuta anche come 'Villa Manzuta' dal nome della strada che le transita accanto, è stata gestita per conto del Tribunale di Forlì dal portale Real Estate Discount, sito del network IT Auction specializzato nell’organizzazione di aste online da fallimenti, esecuzioni immobiliari, liquidazioni volontarie e privati. Grazie al meccanismo dell'asta telematica, semplice, rapido e trasparente, ma anche alla grande visibilità che il portale realestatediscount.it garantisce ai beni in vendita – ben 34mila infatti le visite alla pagina web dedicata all'asta in questione - l’aggiudicazione della villa è avvenuta a suon di rilanci che hanno fatto lievitare il prezzo di partenza dell’esperimento dagli iniziali 30mila ai 146mila dell'offerta rivelatasi poi vincente.

A darsi battaglia nell'asta finale svoltasi il primo di marzo, sette partecipanti, tutti interessati ad accaparrarsi un lotto dalle innegabili potenzialità. Il complesso, che oltre alla villa con parco di 4mila mq comprende anche un secondo edificio residenziale, alcuni immobili (ex fienile, legnaia e stalla) ed un piccolo fondo agricolo, è inquadrato dal piano regolatore comunale come insediamento aperto a tutte le destinazioni d'uso compatibili, dal residenziale all'alberghiero, e questo ha ovviamente stuzzicato non poco l'interesse dei partecipanti. Dopo essere partita, con il primo esperimento datato ottobre 2013, da un prezzo di perizia di 680mila euro, via via sceso fino ai 30mila dell'ultima asta, era difficile infatti prevedere questa impennata sul filo di lana. E invece, l'elevata accessibilità e competitività che solo l'asta online garantisce, ha fatto sì che si innescasse un duello serrato a colpi di rialzi e che il bene raggiungesse il suo reale e attuale valore di mercato.

“Il sistema della vendita online da noi gestito – spiega Matteo Brucoli, responsabile Real Estate Discount – non a caso è stato selezionato da più di 100 Tribunali e migliaia di professionisti in tutta Italia, garantisce infatti non solo massima visibilità, trasparenza e affidabilità, ma anche una vendita organica dei beni, tutto ciò rende la procedura più chiara, snella e di facile accesso. Inoltre – aggiunge il responsabile del settore immobiliare – attraverso un'asta accessibile a tutti è possibile verificare quale sia il prezzo che il mercato immobiliare è disposto a recepire per un determinato bene. I prezzi di perizia, infatti, sono un punto di partenza, ma solo attraverso le gare competitive da noi promosse si può conoscere la reale quotazione di un determinato bene”. 


--