Imola

Crisi Mercatone Uno: i sindacati proclamano lo sciopero per il 18 aprile

"Richiesta di concordato è vergognosa. Era chiaro dopo pochi mesi che la situazione stava degenerando: intervengano i commissari straordinari e il Ministero"

Crisi Mercatone Uno: i sindacati proclamano lo sciopero per il 18 aprile
| Altro
N. Commenti 0

11/aprile/2019 - h. 09.36

I dipendenti del Mercatone Uno sono di nuovo nella tempesta. Nonostante i toni rassicuranti di Shernon Holding, l'azienda che ha rilevato i 55 punti vendita nell'agosto scorso e che ha annunciato di voler procedere al concordato, i sindacati non sono per nulla tranquilli. La nota è firmata dalle segreterie nazionali della Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs.

"Nei primi mesi da parte nostra e da parte di tutti i dipendenti c'è stata la consapevolezza che sarebbero stati necessari alcuni mesi affinché Shernon potesse avviare la sua attività in modo recolare. Tuttavia, negli ultimi mesi, è sempre più evidente che la situazione stava degenerando". I sindacati parlano di problemi con i fornitori e i magazzini e di ritardi nel pagamento degli stipendi. Poco più di un mese fa l'amministratore delegato "ci ha annunciato che era prossima la ricapitalizzazione per un importo di venti milioni di euro".

 Una cifra che i sindacati ritenevano "assolutamente insufficiente a garantire la continuità aziendale". C'è stato una prima convocazione dal Ministero per lo Sviluppo Economico datata due aprile ma "in seguito ad una richiesta di rinvio avanzata da Shernon, motivandola asserendo che era finalizzata a concludere l'accordo per la ricapitalizazione con potenziali investitori, l'incontro è stato posticipato al 18". I sindacati hanno proclamato lo stato di agitazione. La richiesta di concordato preventivo al tribunale di Milano "dimostra che purtroppo le nostre preoccupazioni erano fondate" e i lavoratori "non solo si sono sentiti offesi ma anche presi in giro". I sindacati ricordano che "è responsabilità del Mise e dei commissari straordinari farsi carico di gestire una situazione così drammatica e che ancora è nel percorso dell'amministrazione straordinaria". I sindacati proclamano lo sciopero per il 18 aprile, con presidio davanti al Ministero per lo Sviluppo a partire dalle 14.