Rimini

Anziana truffata dall'arrotino, denunciato un uomo

Ha millantato una fuga di gas e ha convinto una signora a farsi pagare per riparare un guasto che non c'era. Le figlie della donna e la polizia lo incastrano

Anziana truffata dall'arrotino, denunciato un uomo
| Altro
N. Commenti 0

12/aprile/2019 - h. 18.14

RIMINI  -  L'arrotino arrotondava con le truffe. Vittima del raggiro una signora anziana residente in via Villa e l'abilità del truffatore è riuscita persino a far cadere nell'inganno le due figlie. Tutto è accaduto l'11 aprile, giovedì. La donna era uscita in strada per affilare alcuni utensili da cucina. Al momento del pagamento la signora è entrata in casa chiedendo all'uomo di aspettarla. L'arrotino l'ha invece seguita e l'a attesa in cucina dove ha millantato un guasto con fuga di gas. Durante l'assenza della donna aveva infatti manipolato i fornelli e, grazie al trucco, una volta attivato un accendino si è sprigionata una fiamma nell'aria. L'uomo si è offerto di riparare il guasto. La signora, preoccupate dell'esborso ha avvisato le figlie che sono andate a controllare. L'arrotino ha replicato il trucco, convincendo a fatica anche loro. Il pagamento richiesto era di 75 euro.

Le figlie dell’anziana hanno visto cristallizzare i dubbi sulla bonarietà degli intendimenti dell’arrotino,  quando, alla richiesta di emettere fattura  e mostrare  il titolo che lo abilitava a tali lavori domestici l'uomo ha detto di avere la licenza in macchina e che se volevano potevano seguirlo per visionarla. L’imbarazzo, il disagio e la fretta mostrata dal truffatore nell’andarsene, nonostante l’anziana signora gli avesse dato solo 60 dei 75 euro pattuiti ha insospettito le giovani donne, le quali hanno fattoo una foto alla targa della macchina dell’uomo, nella quale ad attenderlo vi era il figlio. Chiamata la polizia, gli agnti hanno rintracciato l'auto con i due. 

Il padre risultato gravato di innumerevoli precedenti penali in ordine a reati contro il patrimonio è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria.  Oltre ad avere precedenti per reati analoghi si è appurata la pericolosità sociale del soggetto e che lo stesso nè ha residenza nel comune di Rimini né ha un lavoro che gli garantisca un sostentamento, ricavandolo da illecite attività come quella perpetrata ai danni dell’anziana. Il questore ha emesso un provvedimento di Foglio di Via Obbligatorio con Divieto di Ritorno nel Comune di Rimini.

La celerità della Polizia di Stato nel rintracciare i soggetti protagonisti della vicenda è stata fondamentale per essere assicurare  alla giustizia l’uomo, ma altrettanto significativa è stata la collaborazione delle figlie della donna. Le forze dell’ordine chiedono cooperazione alle famiglie degli anziani circa l’estrema attenzione che devono avere nel dare fiducia a soggetti sconosciuti che si offrono di aiutarli nelle più svariate incombenze quotidiane al solo fine di privarli dei propri averi.