Imola

Guerra ai piccioni in centro, pronti i nidi per i falchi pellegrini

A costruirli sono i ragazzi che frequentano il laboratorio di falegnameria del Centro Diurno Arcobaleno

Guerra ai piccioni in centro, pronti i nidi per i falchi pellegrini
| Altro
N. Commenti 0

15/maggio/2019 - h. 16.16

IMOLA -  Dopo l’ordinanza che vieta di dar da mangiare ai piccioni, nei mesi scorsi l’Amministrazione comunale ha definito un’ulteriore misura per cercare di riportare la loro popolazione ad una giusta dimensione. Il fenomeno dell’aumento della popolazione di volatili, in particolare dei piccioni, in effetti, è di grande dimensione e rende necessario procedere al loro contenimento. L’idea è quella di servirsi del falco pellegrino, uno dei pochi rapaci che può essere utile per dar loro la caccia ai piccioni, che non hanno alcun nemico naturale.

Nell’area imolese ci sono infatti falchi pellegrini: si tratta di creare le condizioni ottimali per farli insediare anche in città. Per indurre la loro presenza, saranno posti dei nidi artificiali, realizzati secondo i criteri utilizzati dal falco in natura per costruire il proprio nido, nei punti più alti del centro città. Oggi sono stati individuati i punti in cui collocarli e soprattutto sono pronti i nidi artificiali. A realizzarli, sono i ragazzi che frequentano il laboratorio di falegnameria del Centro Diurno Arcobaleno, a Casola Canina, ai quali è stato affidato il compito. I nidi saranno presentati giovedì alle 11 nel corso di una conferenza stampa.