Imola

Arriva il porta a porta in centro storico a Imola

Complessivamente, sono quasi 5.300 le utenze coinvolte, di cui circa 3.800 famiglie e 1.500 attività. Il numero degli abitanti residenti rappresenta l’11% dell’intera città e quello delle attività è circa un terzo del totale

Arriva il porta a porta in centro storico a Imola
| Altro
N. Commenti 0

27/maggio/2019 - h. 18.48

IMOLA -  Il Comune di Imola, in collaborazione con Hera, ha deciso di promuovere un progetto per completare la riorganizzazione della raccolta rifiuti nella città, coinvolgendo, nei prossimi mesi, il centro storico. L’obiettivo è avvicinarsi al 79% di raccolta differenziata stabilito dalla regione Emilia-Romagna per i comuni di pianura come Imola. A partire dal 2016 sono stati gradualmente modificati i servizi di raccolta rifiuti in tutti i quartieri, ad eccezione del cuore della città. Grazie alla collaborazione di cittadini e attività, l’introduzione delle Isole Ecologiche di Base e dell’utilizzo della tessera ha traghettato la raccolta differenziata dal 55 al 71% mentre i rifiuti indifferenziati sono dimezzati, passando da oltre 20.700 tonnellate annue a poco più di 11.700. Ora si completa il progetto con una riorganizzazione che tiene conto delle peculiarità del centro storico. L’Amministrazione comunale ha deciso di applicare un modello che si basa prevalentemente sulla raccolta porta a porta, evitando di impattare quindi sulla disponibilità di parcheggi. Complessivamente, sono quasi 5.300 le utenze coinvolte, di cui circa 3.800 famiglie e 1.500 attività. Il numero degli abitanti residenti rappresenta l’11% dell’intera città e quello delle attività è circa un terzo del totale. 

Da un’analisi effettuata sui rifiuti presenti nei cassonetti di indifferenziato nel centro storico, risulta che solo il 5% di quanto conferito è veramente non recuperabile, mentre per il restante 95% si tratta carta e cartone, sfalci e potature, organico, plastica, vetro, inerti, tessili, ecc…, ovvero rifiuti che andrebbero recuperati attraverso la raccolta differenziata. 

Le principali novità

Per tutte le strade del centro storico interne ai viali perimetrali Saffi, Zappi, De Amicis, Carducci, Amendola, accanto alla raccolta porta a porta di carta e cartone sarà attivata anche quella di plastica/lattine, sempre in sacchi ma gialli, e dell’indifferenziato con bidoncini da esporre davanti al proprio civico. Per tutte e tre queste tipologie di rifiuti, la raccolta sarà settimanale e verrà svolta anche in occasione di festività. Le Isole interrate situate in via Cavour/incrocio Cairoli, via Baviera Maghinardo, piazza Ragazzi del ‘99, via Emilia/angolo via Marsala, piazza Gramsci, piazza Matteotti diventeranno accessibili con l’utilizzo della tessera e vi si potranno conferire solamente plastica e lattine. 

Inoltre, si introducono la raccolta stradale dell’organico con bidoni apribili con tessera, come nel resto della città, e la raccolta stradale del solo vetro, con contenitori dedicati che andranno a sostituire le tradizionali campane gialle.  Nei viali perimetrali, invece, è prevista la collocazione delle Isole Ecologiche di Base, simili a quelle già presenti negli altri quartieri, apribili anch’esse con tessera. La tessera sarà quindi fornita in dotazione a tutti i cittadini e alle attività dell’area che, in questo modo, in parallelo ai nuovi servizi potranno utilizzare anche qualsiasi altro contenitore della città, senza limiti e tutte le volte che si vuole come già avviene ora.  Le attività commerciali inoltre potranno richiedere a Hera specifici servizi integrativi per la raccolta del cartone, dell’organico, del vetro, del legno in cassette e dei rifiuti indifferenziati. 

 Un’informazione capillare e diretta

Dal 29 maggio al 6 giugno alla Sala Bcc (ex cinema centrale), in via Emilia 212, sono previste sette assemblee pubbliche, di cui sei per le famiglie (mercoledì 29 maggio ore 18 e ore 20.30; giovedì 30 maggio ore 18 e ore 20.30; giovedì 6 giugno ore 18 e ore 20.30) e una dedicata alle sole attività (giovedì 6 giugno ore 15.30).

A seguire, e fino alla prima settimana di luglio, famiglie e attività saranno contattate direttamente dagli informatori ambientali di Hera che passeranno a illustrare le nuove modalità e consegnare il materiale informativo insieme alle tessere per i servizi ambientali associate a ogni singola utenza. A quelle all’interno dei viali, che dovranno effettuare la raccolta porta a porta, saranno consegnati anche il bidoncino dell’indifferenziato, una pattumierina per l’organico con una dotazione di sacchi compostabili, sacchi azzurri per la raccolta della carta e gialli per quella di plastica/lattine. Una volta esauriti, i tre tipi di sacchi saranno ritirabili gratuitamente nelle edicole del centro storico, alla stazione ecologica e agli sportelli tessere.

Gli informatori ambientali saranno riconoscibili dall’apposita pettorina gialla indossata con la scritta “informatore ambientale” e dal cartellino nominativo. In nessun caso possono accettare denaro e la consegna dei materiali può essere effettuata sulla soglia, senza necessità di entrare all'interno. In caso di dubbio, si potrà chiedere conferma del nominativo al servizio clienti Hera 800.999.500.

Come di consueto, dopo alcuni passaggi, a chi non verrà trovato sarà lasciato un avviso con le istruzioni per ritirare direttamente il materiale ai punti informativi di Hera in programma il 9, 11 e 13 luglio sotto al centro cittadino, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Successivamente ci si potrà recare agli sportelli tessere situati alla stazione ecologica in via Brenta, traversa di via Lasie (aperto il mercoledì dalle 9 alle 12 e il sabato dalle 15 alle 18) e, dal 18 luglio, al Borghetto (Mercato Coperto), in viale Rivalta, 1° piano. In via straordinaria, lo sportello al Borghetto dal 18 luglio all’8 agosto rimarrà aperto il martedì e giovedì dalle 9 alle 13. A partire dal 22 agosto lo sportello osserverà la sua normale giornata di apertura il giovedì dalle 9 alle 12. 

La raccolta porta a porta e i nuovi servizi al via dall’8 luglio

Dall’8 luglio partirà la raccolta porta a porta, saranno eliminati i vecchi cassonetti e le campane gialle, collocati i bidoni per l’organico, quelli per solo vetro e, sui viali, posizionate le nuove Isole ecologiche di Base. Queste ultime, così come i bidoni dell’organico all’interno dei viali e le isole interrate per plastica e lattine, rimarranno aperte fino al 31 luglio compreso per favorire un passaggio graduale al nuovo servizio, non sarà quindi necessario utilizzare le tessere per aprirle. Questo avvio sarà accompagnato da un periodo di tutoraggio con informatori ambientali che affiancheranno i cittadini e le attività nell’utilizzo delle nuove modalità.

Monitoraggio del servizio

L’introduzione della raccolta porta a porta richiede ai cittadini e alle attività una gestione corretta del rifiuto, che non può essere lasciato fuori in giornate e orari diversi da quelli previsti, pena la creazione di situazioni di degrado. Per questo in caso di errori, sui bidoni e sui sacchi verrà attaccato un adesivo con la segnalazione dell’errato conferimento e il materiale non sarà raccolto. Inoltre, saranno incrementati il monitoraggio e la vigilanza, grazie anche alla collaborazione con le Guardie Ambientali Metropolitane. Inizialmente non verranno comminate multe per lasciare a tutti il tempo di abituarsi e prendere confidenza con le nuove modalità. Successivamente, di fronte a situazione di abbandono di rifiuti non più giustificabili dal cambiamento di abitudini, ci sarà una maggiore severità. Il conferimento corretto dei rifiuti ai servizi di raccolta, evitando gli abbandoni e le conseguenti spese straordinarie per le pulizie, oltre a mantenere la città pulita, consente una diminuzione del costo del servizio.