Rimini

Al caldo senz'acqua in una baracca in lamiera: la polizia salva cane e denuncia il proprietario

L'animale era tenuto da una stretta e corta catena. Nell'operazione antidegrado sequestrato anche un etto di marijuana. Sei i clandestini identificati

Al caldo senz'acqua in una baracca in lamiera: la polizia salva cane e denuncia il proprietario
| Altro
N. Commenti 0

12/giugno/2019 - h. 17.23

RIMINI - Un cane di quattro mesi tenuto in pessime condizioni igieniche è stato salvato dalla polizia a Rimini. Il cucciolo è stato trovato dentro un box, in una baracca di lamiera esposta al sole. Tenuto da una stretta e corta catena, faticava a respirare e non aveva acqua. Il proprietario è un nigeriano finito al centro di una operazione antidegrado edenunciato anche per maltrattamenti contro gli animali. Il cane era in uno stabile vicino al parco Marecchia, in via Duca degli Abruzzi. Qui dimoravano dieci persone, di cui sei clandestine. Uno di questo - un senegalese di venticinque anni  aveva 50 grammi di marijuana e nonostante il tentativo di nascondersi è stato trovato dalla polizia. Grazie ad un cane poliziotto in un cespuglio da cui era stato uscito il 25enne sono stati trovati i cinque involucri di marijuana ritenuti di sua proprietà. Una quantità analoga è stata trovata nell'area ma, non potendo risalire al proprietario, è scattata la denuncia a carico di ignoti.