Imola

Mercatone Uno: confronto tra sindacati e Comune per sostenere i dipendenti

I lavoratori imolesi dell'azienda fallita potranno usufruire di alcune agevolazioni su tariffe scolastiche, bollette e Tari

Mercatone Uno: confronto tra sindacati e Comune per sostenere i dipendenti
| Altro
N. Commenti 0

13/giugno/2019 - h. 15.18

IMOLA - Il Comune di Imola sospenderà il pagamento delle rate Tari 2019 ai dipendenti del Mercatone Uno che potranno presentare anche richiesta di dilazione. Inoltre saranno ridotte le rette scolastiche: i lavoratori potranno usufrurire delle agevolazioni in base all'Isee corrente degli scaglioni di reddito tramite la presentazione della domanda entro il 20 luglio 2019. Il Comune costituirà un apposito fondo per i lavoratori del Mercatone Uno residenti a Imola,  finanziato con un importo pari a euro diecimila che sarà oggetto di delibera di Consiglio Comunale entro la prima data utile ed eventualmente prorogabile, in costanza di crisi aziendale, nel 2020. 

Le misure sono state prese nel corso di un incontro ad hoc con i sindacati in cui è stato preso atto che i lavoratori potranno usufruire dell'esenzione  ticket in caso di fruizione di ammortizzatori sociali o in stato di disoccupazione come previsto dalle attuali disposizioni della regione Emilia Romagna. Per quanto riguarda le bollette, i lavoratori intestatari delle utenze, alle condizioni previste dal fornitore, potranno richiedere rateizzazione fino a 6 mesi, senza interessi e senza limite di importo, tramite apposita domanda agli sportelli preposti, a condizione che l’intestatario del contratto non abbia morosità pregresse. Le organizzazioni sindacali hanno chiesto alle banche la sospensione di rate dei mutui e prestiti e sollecitato l’immediata erogazione da parte dell’INPS del TFR maturato. L’amministrazione comunale si impegna a intervenire in tal senso presso la Regione Emilia Romagna e gli istituti di credito.

 Nel frattempo, l’assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi, ha convocato in Regione un incontro venerdì 14 giugno, nel pomeriggio con i sindaci dei Comuni interessati dalla situazione e le organizzazioni sindacali.