Rimini

Coriano bandisce la plastica dal 2020: multe fino a 500 euro per i commercianti che trasgrediscono

Il Comune diventa plastic free. Gli esercenti potranno acquistare esclusivamente posate, piatti, bicchieri, cannucce monouso in materiale biodegradabile e compostabile

Coriano bandisce la plastica dal 2020: multe fino a 500 euro per i commercianti che trasgrediscono
| Altro
N. Commenti 0

18/giugno/2019 - h. 14.03

RIMINI - Coriano diventa 'plastic free': il Comune riminese ha pubblicato un'ordinanza che vieta la commercializzazione e l'uso di contenitori e stoviglie monouso non biodegradabili. Dal primo gennaio 2020 tutti gli esercenti di attività commerciali, artigianali e di somministrazione di alimenti e bevande e di distributori automatici sul territorio comunale, potranno distribuire agli acquirenti esclusivamente posate, piatti, bicchieri, cannucce monouso in materiale biodegradabile e compostabile. L'ordinanza si estende anche a organizzatori, associazioni, società, comitati, enti e a occasioni come eventi e sagre. Le eventuali scorte di plastica monouso potranno essere utilizzate ma non oltre la fine di quest'anno. Per i trasgressori sono previste sanzioni da 25 a 500 euro. 

La sindaca Domenica spinelli sosstiene che " le stituzioni devono essere le prime a dare il buon esempio. Da anni la nostra amministrazione  è impegnata  nella riduzione della produzione di rifiuti sostenendo e promuovendo tutte quelle azioni volte a implementare il principio della sostenibilità ambientale". L'assessore all'Ambiente Anna Pazzaglia specifica che "nel concreto, le due casine dell’acqua, il distributore dei detersivi installati nel territorio, l’eliminazione della plastica nelle mense della scuola materna, dove usufruendo di un contributo messo a bando da Atersir, sono state acquistate lavastoviglie, piatti in ceramica, bicchieri in vetro, insalatiere e posate  in acciaio, ed   il sistema di raccolta rifiuti Porta a Porta stanno  contribuendo a ridurre  la produzione dei rifiuti". Dagli ultimi dati di maggio 2019 "risulta che la quantità dei rifiuti totali si è ridotta del 10% rispetto all’anno precedente e soprattutto che il rifiuto indifferenziato destinato a incenerimento è diminuito del 48% rispetto al 2018. Il nostro obiettivo  è  quello  di salvaguardare l’ecosistema e quello di orientare e sensibilizzare le giovani generazioni e la comunità tutta verso scelte e comportamenti consapevoli e virtuosi in campo ambientale, preparando seriamente e con azioni concrete, una civiltà post incenerimento”.