Ravenna

Paziente ricoverata dopo 30 ore, l'Ausl si scusa ma precisa: "Non è stata solo attesa, nel frattempo sono stati fatti vari esami"

La precisazione dell'azienda sanitaria riguardo alla vicenda della 71enne segnalata da Lista per Ravenna

Paziente ricoverata dopo 30 ore, l'Ausl si scusa ma precisa: "Non è stata solo attesa, nel frattempo sono stati fatti vari esami"
| Altro
N. Commenti 0

18/giugno/2019 - h. 17.39

RAVENNA - L'Ausl replica riguardo alla vicenda della paziente ricoverata il sabato pomeriggio dopo essere entrata in ospedale venerdì mattina. Il caso era stato segnalato dal consigliere comunale Alvaro Ancisi. "Sostenere - scrive l'azienda - che il percorso che ha portato al ricovero della paziente si sia limitato all’”attesa” non è propriamente corretto e non rende del tutto l’idea della situazione reale". La signora è giunta all’Ospedale di Ravenna su invio del medico di famiglia, per una visita infettivologica, a seguito del persistere di febbre successiva ad un intervento chirurgico ortopedico che ha avuto luogo, nei giorni precedenti, presso un privato accreditato. 

"Visita che è stata regolarmente effettuata, dopo la quale il medico ha ritenuto opportuno sottoporre la paziente ad un approfondimento clinico e l’ha dunque avviata al Pronto soccorso per eseguire: esami ematici completi, emocolture, esami di radiologia e visita ortopedica. Tale percorso, a seguito delle molte urgenze che si sono susseguite nelle ore successive e ad un numero complessivo di accessi che ha superato i 300 nelle 24 ore, ha trovato compimento dopo molte ore, con la decisione dei medici, per quanto emerso dalle valutazioni cliniche svolte, di procedere col ricovero. Va però evidenziato che in tale periodo, la paziente non solo ha effettuato gli esami prescritti ma è stata costantemente monitorata ed è stata ritarata la terapia farmacologica che stava assumendo (va in questo senso segnalato che nel frattempo la temperatura corporea si è abbassata e stabilizzata)".

Durante il lungo periodo in cui è stata in carico al Pronto soccorso vi è stato, da parte del personale, "l’impegno per cercare di minimizzare i conseguenti, comprensibili disagi relativi all’accoglienza e alla sistemazione logistica". L'Ausl si scusa  con la signora e i suoi familiari per questi disagi e ricorda che questo "impegno sempre viene messo in atto e comprende anche una valutazione sulla somministrazione dei pasti, laddove possibile in ordine alla specifica condizione clinica e tenendo comunque conto della situazione complessiva di un servizio vocato all’emergenza e all’alto numero di accessi".

Conclude l'Ausl: "E in generale è forte e costante - e sempre più lo sarà anche sulla scorta delle recenti indicazioni regionali – l’impegno aziendale per migliorare e rendere più veloci ed efficaci possibile i percorsi d’accesso alle cure. Allo stesso tempo continuerà una duplice opera mirata, da un lato ad implementare percorsi territoriali alternativi al pronto soccorso per i pazienti per i quali tale accesso è inappropriato, e dall’altro a potenziare gli organici di questo, così come di altri servizi ospedalieri. A tal fine è continua l’opera di selezione e reclutamento di medici, in particolare per l’emergenza e, sul fronte assistenziale, si stanno percorrendo le graduatorie per l’immissione in servizio (con i tempi consentiti dagli iter burocratici) di nuovi infermieri ed oss".