Rimini

I carabinieri e tre ragazzi salvano un'anatra e i suoi pulcini

Si erano avventurati fino alla fontana ma per tornare al lago bisognava attraversare la strada. Così il gruppo forestale ha aiutato la cucciolata a tornare a casa

I carabinieri e tre ragazzi salvano un'anatra e i suoi pulcini

Mamma anatra segue il carabiniere verso il laghetto

| Altro
N. Commenti 0

19/giugno/2019 - h. 12.08

RIMINI - Insolito intervento della pattuglia  di emergenza ambientale dei Carabinieri Forestali di Rimini questa mattina, mercoledì 19 giugno, davanti al Palacongressi. Un gruppo di tre ragazzi ha notato all'interno della fontana una famiglia di anatre che nuotavano sulle acque trasparenti della fontana. Si tratta di un'anatra e sei anatroccoli che  probabilmente alle prime luci del mattino sono riusciti ad attraversare indenni la strada che divide il parco dalla zona del Palacongressi. I tre ragazzi si sono iniziati a chiedere come farà la famigliola di anatre a tornare nel parco attraversando di nuovo la strada trafficata.  Così hanno contatatto il gruppo dei carabinieri forestali di Rimini. 

Non semplici le operazioni di recupero: mamma anatra non si faceva avvicinare mentre gli anatroccoli che nuotano vicino al bordo della piscina potevano essere presi. Quindi sono iniziate le operazioni di recupero che vedono la collaborazione dei tre ragazzi. Trovato un contenitore in zona, uno dopo l'altro sono stati presi i sei anatroccoli e a questo punto mamma anatra, anche se titubante ha lasciato la piscina e inizia a seguire il militare che porta lentamente  con se i piccoli  anatroccoli. 

Inizia così, attraverso una via sicura interna, il trasferimento dell'insolita processione fino ai bordi del laghetto del vicino parco. In prossimità della riva gli anatroccoli sono stati fatti uscire dal contenitore, i militari e i ragazzi si sono allontanati e così mamma anatraha raggiunta i piccoli e li riporta al sicuro nel laghetto. La giornata in piscina, di questi tempi,  sarebbe potuta diventare molto pericolosa per la famiglia di anatre ma la sensibilità di tre ragazzi e l'attenzione di due carabinieri forestali hanno fatto si che ci fosse il lieto fine per questa storia di inizio estate.