Ravenna

Berkan B, disastro ambientale: indagine della procura

Inchiesta sui vertici di Autorità portuale. Il relitto si è inabissato lo scorso 5 marzo

Berkan B, disastro ambientale: indagine della procura

Lo sversamento in acqua della Berkan B

| Altro
N. Commenti 0

04/luglio/2019 - h. 11.40

Il relitto Berkan B, ormeggiato in pialassa dal 2010 e affondato lo scorso 5 marzo, è stato sequestrato ed è al centro di un'inchiesta per disastro ambientali. Secondo quanto riporta l'edizione locale del Resto del Carlino di Ravenna - che riporta la notizia - ci sararebbero tre indagati: si tratta di dirigenti di Autorità portuale, tra cui il presidente dell'Ente Daniele Rossi. Secondo quanto scrive il quotidiano l'indagine è nata da una relazione della Capitaneria di Porto ravennate e sullo stato dei luoghi del primo luglio scorso, alla luce dello stato di pericolo determinato dall'aggravarsi dell'inquinamento in zona. Questa mattina - riporta l'Ansa - il presidente Rossi è stato convocato in procura per essere interrogato. In sostanza si vuole verificare se l'ente abbia vigilato abbastanza sullo stato del relitto che era in porto da otto anni. Da quando, cioè, l'armatore l'abbandonò al suo destino perché insolvente.