Rimini

Tira un piatto alla vicina, poi minaccia lei e la polizia con un coltello

Arrestata una quarantenne. Violenta aggressione alla donna che era con la sua bambina

Tira un piatto alla vicina, poi minaccia lei e la polizia con un coltello
| Altro
N. Commenti 0

05/agosto/2019 - h. 19.38

RIMINI - Ha minacciato la vicina e la sua bambina con un coltello dopo averle lanciato un piatto di ceramica. Una donna di quarant'anni, italiana di origini brasiliane, è stata arrestata domenica sera dalla polizia riminese che si è trovata di fronte un vero e proprio caos quando è arrivata sul posto. Il tutto è accaduto in un condominio: secondo quanto ricostruito, le due donne si sono incrociate sul pianerottolo. La vittima dell'aggressione ha salutato ma non ha ricevuto risposta. La vicina le ha invece scagliato un piatto di ceramica, contenente spaghetti al pomodoro, insultandola. Rientrata in appartamento ne è uscita con un coltello che le ha puntato alla gola continuando a minacciarla. "Va via p*****a se no ti taglio la gola". Poi è rientrata in casa senza più uscirne. 

Non ha aperto nemmeno ai poliziotti che ha anzi insultato più volte, minacciando di "tagliare la gola a tutti". Valutata la donna pericolosa, la polizia ha avvisato i vigili del fuoco per aprire la porta. Lei nel frattempo si era però portata sul retro e affacciandosi ha detto che si sarebbe uccisa piuttosto che farsi arrestare. E' iniziata una negoziazione che, dopo circa sette/otto minuti, ha portato la donna a  desistere e ad abbandonare il coltello all’interno del giardino condominiale e ad uscire all’esterno dello stabile prima che arrivassero i  Vigili del Fuoco. Appena uscita dall'abitazione è stata arrestata per resistenza, oltraggio a pubblico ufficiale e lesioni.