Forlì

Niente alcol in centro e divieto di sedersi a terra: il vicesindaco difende l'ordinanze

Daniele Mezzacapo: "C'è chi strumentalizza ma le regole saranno applicate con buon senso"

Niente alcol in centro e divieto di sedersi a terra: il vicesindaco difende l'ordinanze
| Altro
N. Commenti 0

27/agosto/2019 - h. 22.02

Il vicesindaco Daniele Mezzacapo, con delega alla Sicurezza, spiega le ragioni che hanno portato il Comune ad emanare un'ordinanza che sancisce il divieto di consumare bevande alcoliche all'interno di qualsiasi contenitore e bevande analcoliche contenute in recipienti di vetro o metallo. Inoltre l'ordinanza vieta di  sdraiarsi o sedersi sulle strade, nelle piazze, sotto i portici, sulle soglie di edifici pubblici, delle chiese e delle abitazioni private (secondo quanto previsto dall'articolo 19 del Regolamento di Polizia Urbana). La sanzione prevista è di 50 euro.

“L'iniziativa antidegrado che abbiamo lanciato ha come unica finalità la valorizzazione del Centro storico, il rispetto delle regole, la tutela dei minori e della salute, il miglioramento della sicurezza e la promozione delle attività degli operatori”. Con queste parole il Vicesindaco di Forlì Daniele Mezzacapo, con delega alla sicurezza, torna a sottolineare le ragioni delle misure attivate con l'ordinanza sindacale emessa lunedì 26 agosto. “Tutte le  strumentalizzazioni politiche messe in atto in queste ore puntano a snaturare il reale motivo dell'iniziativa che è volta a contrastare l'abuso di alcol, soprattutto da parte dei giovani, evitare la pericolosa e indecente presenza di cumuli di bottiglie e altri contenitori come è frequente trovare in alcuni luoghi del centro, qualificare la bellezza di Forlì”.

“Come è stato illustrato in sede di presentazione -continua il vicesindaco Mezzacapo - questa iniziativa non si esaurisce in un divieto e nel controllo ma sarà accompagnata da una attività di carattere informativo ed educativo, con progetti rivolti alle scuole, proposte per giovani, adulti e operatori. Mi permetto di dire che lo spirito appropriato è quello di fare tutti insieme un passo avanti migliorativo e non di fomentare paure immotivate. Nessuno studente in gita scolastica verrà richiamato o sanzionato e neanche le persone giustamente attente al rispetto dell'ambiente che bevono dalla borraccia. Così come nessuna multa sarà fatta alle persone che in modo corretto e rispettoso vivono il bellissimo centro storico di Forlì. C'è chi non ha mai fatto nulla per anni e strumentalmente semina paura ma la realtà è un'altra e punta al bene della città”.