Cesena

Il 19 ottobre l'Abbazia del Monte è visitabile

Monasteri aperti: l'edificio rimarrà aperto anche sabato dalle 7,30 alle 11,30 e dalle 15,30 alle 18; domenica durante le funzioni religiose e nel pomeriggio dalle 15,30 alle 18.

Il 19 ottobre l'Abbazia del Monte è visitabile
| Altro
N. Commenti 0

17/ottobre/2019 - h. 15.17

Nell’ambito del progetto “Monasteri Aperti Emilia Romagna”, che prevede l’apertura straordinaria dei luoghi sacri situati sui cammini spirituali regionali, sabato 19 ottobre alle 10 è in programma una visita guidata speciale all’Abbazia del Monte di Cesena. I visitatori potranno ammirare le antiche stanze dell’Abbazia benedettina risalente all’anno 1000 e posta lungo il cammino di San Vicinio: la basilica, la collezione delle 704 tavolette votive degli Ex Voto, il chiostro piccolo con il suo portico quattrocentesco, il chiosco grande risalente ai primi anni del Cinquecento, la sacrestia e la preziosa biblioteca che vanta un patrimonio librario di 55 mila volumi di carattere teologico ed umanistico. Incamerata dallo Stato nel XIX secolo, con l'importante lascito di Papa Pio VII, la biblioteca del Monastero è ricca di rare edizioni. Completamente distrutta dai bombardamenti dell'ultima guerra, è stata pazientemente ricostruita ed è formata da due ampi ed attrezzati saloni, aperti l'uno sull'altro e messi in comunicazione da un elegante ballatoio.

A curare la visita nell’affascinante atmosfera del monastero, ancora oggi sede di vita monastica, saranno i volontari dell’Associazione degli Amici del Monte di Cesena.

Prenotazioni obbligatorie allo  Iat Cesena - 0547/356327- iat@comune.cesena.fc.it L'evento si svolgerà solo al raggiungimento del numero minimo di 10 partecipanti. Durante il weekend, la Basilica rimarrà aperta anche sabato dalle 7,30 alle 11,30 e dalle 15,30 alle 18; domenica durante le funzioni religiose e nel pomeriggio dalle 15,30 alle 18.

Referente del progetto per il Cammino di San Vicinio è la Diocesi di Cesena-Sarsina, che ha aderito all’iniziativa organizzando visite anche alla Pieve di Monte Sorbo e alla Cattedrale-santuario di Sarsina e al sepolcro di San Vicinio.