Imola

Il Comune costruisce cinque nuove aree dedicate ai cani

Passano da 11 a 16 le zone di sgambamento. Sono 16mila gli animali di affezione iscritti all'apposita anagrafe

Il Comune costruisce cinque nuove aree dedicate ai cani
| Altro
N. Commenti 0

07/novembre/2019 - h. 16.27

Il Comune di Imola realizzerà cinque nuove aree di sgambamento cane. Nuovi luoghi dunque dedicati ai circa 16mila cani di affezione iscritti all'anagrafe a loro dedicata. L'assessorato alla Sicurezza e all’Ambiente si è attivato per la realizzazione di 5 nuove aree di sgambatura e sollecitato la riqualificazione delle 11 esistenti. 

Le aree di sgambatura sono previste: a Sesto Imolese, all'incrocio tra Via San Vitale e Via Balducci; a Sasso Morelli in Via dei Ciliegi, con l'accesso dal parcheggio della scuola elementare; in via Molino Vecchio, lato via della Resistenza, ingrandendo quella esistente; in Pedagna ovest prospiciente la via Zara (l’area è già utilizzata, ma non essendo recintata è inserita fra le nuove aree da realizzare); in zona centro vicino alla Bocciofila e alla via Venturini.

Le aree di sgambatura permettono ai proprietari dei cani di farli socializzare, in un ambiente sicuro dedicato a le loro esigenze. L’area cani può essere un vero toccasana per il nostro amico e per la sua salute. In queste aree i nostri amici a “quattro zampe” sono liberi di sfogare le energie giocando tra loro, divertendosi e stancandosi nel miglior modo possibile.

“Queste azioni concrete sono una dimostrazione della sensibilità che l'Assessorato ha sempre rivolto nei confronti dei tanti cittadini che scelgono di accogliere un cane nel proprio nucleo familiare - spiega l’assessore Andrea Longhi, assessore alla Sicurezza ed all’Ambiente -. Nella stessa direzione si sta lavorando di concerto con le Associazioni Cinofile del territorio alla redazione di un regolamento per tutte le aree di sgambatura a gestione comunale e non concesse ad associazioni, questo perché spesso queste stesse aree vengono utilizzate in modo esclusivo da coloro i quali le frequentano abitualmente. Le aree di sgambatura sono dei luoghi deputati al benessere di quei cani che vivono in ambiente urbano; uno spazio dedicato per essere liberi di esprimere una corsa o un gioco laddove sarebbe possibile solo essere condotti con un guinzaglio”. 

“E’ inoltre in corso di definizione un percorso - aggiunge l’Assessore Longhi -  atto ad accrescere la cultura cinofila del territorio attraverso incontri tematici in collaborazione con le Associazioni Cinofile di Imola e Associazioni che valorizzano la funzione dei cani guida nei confronti dei cittadini non vedenti. Con la speranza che quanto iniziato possa essere portato avanti da chi ci succederà, vogliamo ringraziare Imola Dog, Free Paw e Dog&Fun, insieme alle Guardie Ambientali, per il lavoro di collaborazione svolto fin qui”.