Imola

Bando piscina, approvate le linee di indirizzo per la gestione

Le tariffe saranno da concordare con l'amministrazione comunale. La gara verrà predisposta in seguito da Area Blu

Bando piscina, approvate le linee di indirizzo per la gestione
| Altro
N. Commenti 0

12/novembre/2019 - h. 18.00

IMOLA - La giunta comunale ha approvato le linee guida per l'affidamento della gestione della piscina comunale Ruggi, dando mandato ad Area Blu di predisporre il bando. Nelle linee guida è previsto che il concessionario «nell’ambito dei servizi rivolti all’utenza della piscina, oltre a garantire l’assistenza in vasca secondo quanto disposto dalla normativa vigente dovrà utilizzare personale abilitato alle operazioni di salvataggio e di primo soccorso, elaborando un “piano delle attività” nel quale indicherà gli spazi utilizzabili e la loro distribuzione temporale».

In questo piano il concessionario dovrà consentire l'utilizzo delle vasche per varie attivita notatorie e garantire l’attività di nuoto agli Istituti Comprensivi Scolastici in orario mattutino. Il concessionario, durante l’intero arco dell’orario di apertura della piscina, dovrà garantire almeno due corsie per il nuoto libero.

«Le corsie rimanenti - si legge nel documento - dovranno essere ripartite in maniera che un minimo di tre e un massimo di quattro delle stesse sia messo a disposizione delle associazioni o società sportive, non legate al concessionario in via diretta o indiretta, né formale né sostanziale, per organizzare la loro attività».  Il piano delle attività per l’utilizzo del salone e delle tre palestre, da parte delle scuole e delle società sportive, sarà determinato in accordo con l’Ufficio Sport del Comune di Imola. L’impianto dovrà rimanere aperto tutto l’anno salvo la chiusura in occasioni particolari di festività ben definite negli atti di gara o per operazioni particolari legate all’avvio delle stagioni invernali, da concordare comunque con l’Amministrazione Comunale. 

La durata dell'affidamento sarà di tre anni a partire dalla data di consegna mentre il corrispettivo sarà calcolato «sulla base di gara di cui alla gestione attualmente in essere». Oltre alle attività di organzzazione di manifestazioni sportive ci saranno anche attività complementari come la gestione del bar ristorio.  Le tariffe di utilizzo del palasport, delle palestre e delle piscine «saranno stabilite dal concessionario nell’ambito della propria offerta tecnica» e in accordo con l'amministrazione. «Potranno essere previsti abbonamenti e lezioni private consentendo l’organizzazione di corsi estivi.