Ravenna

Pioggia nera a Ravenna, Arpae: "Colpa di una fuga di carbon black da un'azienda"

La segnalazione di Lista per Ravenna, la risposta dell'agenzia regionale: "Errore umano all'origine del caso, non sembrano però esserci state conseguenze per l'ambiente"

Pioggia nera a Ravenna, Arpae: "Colpa di una fuga di carbon black da un'azienda"

La pioggia nera a Ravenna (foto di Gianluca Benzoni)

| Altro
N. Commenti 0

27/novembre/2019 - h. 17.21

RAVENNA - Una fuga di carbon black ha causato nella mattinata del 27 novembre una pioggia nera in zona Bassette a Ravenna, in pienza  zona industriale. La pioggia ha sporcato la zona, le auto e le persone che hanno avuto la sfortuna di finirci sotto. Tra loro il consigliere territoriale di Lista per Ravenna Gianluca Benzoni che ha inviato le foto che pubblichiamo, chiedendo lumi sull'accaduto. Come sospettato, a causare la pioggia nera è stata la fuga di carbone da un'azienda. Lo ha confermata Arpae all'esito di alcune analisi nel pomeriggio. Non ci sarebbero conseguenze per la salute. 

"Erano circa le otto - ha raccontato Benzoni - del mattino quando  una nube nera si è abbattuta al suolo. Molte le vetture ricoperte da residui simili al carbone, diversi i cittadini colpiti. Non sappiamo cosa stia succedendo, né dove tutto questo sia partito, ma di certo auspichiamo l’immediato approfondimento da parte delle autorità competenti per scongiurare qualsiasi fenomeno di tossicità".

Questa la risposta di Arpae arrivata nel pomeriggio: "Nella mattinata, su segnalazione del Consorzio di Bonifica della Romagna, Arpae è intervenuta a seguito della ricaduta al suolo di polvere nera a nord della zona industriale di via Bassette di Ravenna. Durante il sopralluogo è emerso che si è trattato di una fuoriuscita di carbon black (carbonio microcristallino utilizzato come pigmento per colorare la gomma) dall’azienda Orion Engineered Carbon di Via Baiona 170, a Ravenna"

La fuoriuscita è avvenuta a causa "di un errore umano: durante ordinarie operazioni di riduzione di sovrapressione nei filtri che trattengono il carbon black, parte di questo è stato scaricato su di un filtro in quel momento in manutenzione, escluso dal ciclo produttivo e con la portella aperta. Da tale filtro è avvenuta la fuoriuscita del carbon black. Dai primi accertamenti di Arpae, considerata la limitata area interessata (zona Idrovora Consorzio di Bonifica), il tipo di materiale (carbonio) e le favorevoli condizioni meteorologiche che hanno evitato la dispersione della polvere in atmosfera (pioggia a partire dalle ore immediatamente successive all’evento), non sembrano esserci state particolari conseguenze per l’ambiente. L’Azienda si è attivata già nella mattinata per eseguire le operazioni preliminari di pulizia delle aree coinvolte".