Commercio

Infrastrutture migliori e stop ipermercati: le richieste delle aziende alla Regione

Un campione di 150 imprese tra Cesena e Ravenna ha compilato un questionario in cui vengono indicate le priorità per il territorio

Infrastrutture migliori e stop ipermercati: le richieste delle aziende alla Regione
| Altro
N. Commenti 0

03/dicembre/2019 - h. 11.53

Ritengono la Regione tra le migliori in Italia e ne sono complessivamente soddisfatti ma ciò non toglie che su alcuni punti ci siano margini di miglioramento. Questa è in sintesi la fotografia che emerge da un questionario che la Confesercenti di Ravenna e Cesena ha proposto a 150 imprese associate.

Per il 36 per cento degli intervistati, la Regione è carente rispetto ad altri enti simili sulle politiche di sostegno alle imprese. Le infrastrutture sono il secondo punto critico (26 per cento) segnalato dalle aziende. Seguono politiche ambientali (17 per cento) e turismo (13 per cento). In ambito turistico è vista come una priorità l'adeguamento dell'E45 e il nodo di Bologna per il 45 per cento degli intervistati. Segue la metropolitana di costa (27 per cento) e l'apertura dell'aeroporto di Forlì (24 per cento). D'altra parte il sistema turistico dovrebbe chiedere all'ente una maggiore promozione in Italia e all'estero (43 per cento), l'ammodernamento di strutture ricettive (35 per cento), un maggior numero di eventi come la Notte rosa (10 per cento) e la realizzazione di piscine vicino alla spiaggia (7 per cento).

Il commercio vede nelle tasse invece il problema numero uno: il 36 per cento chiede incentivi e sgravi fiscali alle attività commerciali. A breve distanza seguono la realizzazione di nuovi centri commerciali: il 32 per cento chiede che la Regione ne vieti l'insediamento. Distanziata la necessità della formazione professionali (20 per cento) e dello sviluppo del commercio elettronico (9 per cento). 

Si può dire – scrive Confesercenti – che la Regione sia “un ente conosciuto e osservato che riesce ad offrire buoni servizi” ma che nel prossimo futuro “dovrà essere più vicino alle imprese a ai cittadini” impegnandosi sul tema infrastrutturale e su un maggior sostegno alle PMI. Lo studio è stato presentato durante l'assemblea congiunta che si è tenuta in fiera a Cesena. I dirigenti di Confesercenti Ravenna e Cesena hanno ribadito l’importanza del ruolo della politica locale, chiamata a recepire le esigenze concrete delle imprese e ad agire, e il loro impegno a confrontarsi costantemente con l’amministrazione pubblica per lavorare nella stessa direzione e nell’interesse di tutti.