Bagno di Romagna

Colonie feline, affidato il servizio di gestione ad una coop sociale

Il sindaco: “Ciò che abbiamo cercato di fare è di creare un sistema partecipato e condiviso per la miglior gestione degli animali e nel rispetto delle problematiche segnalate dai cittadini residenti»

Colonie feline, affidato il servizio di gestione ad una coop sociale
| Altro
N. Commenti 0

05/febbraio/2020 - h. 18.25

E’ la cooperativa sociale “Alveare” di San Piero in Bagno il soggetto affidatario dell’attività di gestione delle colonie feline e di coordinamento fra tutti i soggetti interessati. Lo comunica il Sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini, che ha continuato a seguire in prima persona la gestione delle colonie feline fino a mettere a disposizione la sua abitazione e la sua custodia per ospitarvi una colonia felina.

Con determinazione del Responsabile del Settore Affari Generali dott. Paolo Di Maggio, il Comune ha affidato alla coop. Alveare, per 12 mesi e verso un corrispettivo di 3.000 euro la gestione delle attività di controllo, tutela e cura della popolazione felina. Tra le varie attività previste nell’atto di affidamento rientrano azioni finalizzate ad una sempre più equilibrata convivenza uomo/animale ed a tutela della salute pubblica e dell’ambiente; predisposizione di un Registro dei censimenti e monitoraggi; gestione delle sterilizzazioni; intermediazione tra referenti e cittadini residenti; custodia e manutenzione di adeguati e decorosi ripari per gli animali; gestione di eventuali modificazioni alla dislocazione delle colonie; collaborazione con il Servizio Veterinario dell’Ausl.

Attivo anche uno specifico “Punto di Ascolto”, attivo il Lunedì e il Venerdì dalle ore 08:00 alle ore 12:00 e dalle 14:00 alle 18:00 oppure telefonicamente al n. 0543/903250, per raccogliere e gestire le segnalazioni effettuate dalla cittadinanza.

«Questo affidamento – precisa Marco Baccini – è l’esito di un’attività di mesi di lavoro nella quale sono stati impegnati tutti gli Uffici comunali, il Settore Affari Generali,i Lavori Pubblici, la Polizia Municipale e la Ragioneria, oltre alla Giunta nel suo complesso. Ciò che abbiamo cercato di fare è di creare un sistema partecipato e condiviso per la miglior gestione degli animali e nel rispetto delle problematiche segnalate dai cittadini residenti, al fine di garantire un equilibrio positivo. Le complessità ambientali e la molteplicità dei soggetti interessati – spiega il Sindaco – ha reso necessario l’individuazione di un soggetto che si ponga al centro della gestione e ne porti avanti le attività concrete, quali le sterilizzazioni, la distribuzione del cibo, il coordinamento per la soluzione delle criticità, i controlli in loco. Attività che il Comune non ha la possibilità di gestire materialmente, ritenendo necessario che la struttura concentri le proprie esigue forze nel lavorare sugli obiettivi amministrativi di interesse strategico per la Comunità. Al riguardo, riteniamo che l’ingresso della coop. Alveare sia il più confacente possibile alle esigenze connesse alla gestione delle colonie feline, con il duplice pregio di portare a risultati positivi da un parte e di caratterizzare socialmente il progetto dall’altra».

Il tema della tutela «degli animali e del perseguimento del miglior equilibrio tra uomo e amici animali ci rende particolarmente sensibili e attenti e per questo non ci siamo limitati a delegare le attività – evidenzia  Baccini – ma abbiamo ritenuto di mantenere il controllo attraverso la costituzione di uno specifico gruppo tecnico di vigilanza composto rispettivamente dal Comune e dalla Cooperativa in collaborazione col locale Servizio Veterinario. Al riguardo – chiude Marco Baccini – rilancio alla cooperativa la mi personale disponibilità a mettere in campo custodia e gestione di una colonia felina presso la mia abitazione».