Sanità

Cosa prevede il nuovo decreto per Rimini e per il resto della Romagna

Vietato uscire ed entrare dalla provincia. Ristoranti e bar chiusi alle 18. Per tutto il territorio nazionale sono sospesi tutti gli incontri e gli spettacoli di qualsiasi tipo, dai cinema ai musei alle attività sportive

Cosa prevede il nuovo decreto per Rimini e per il resto della Romagna
| Altro
N. Commenti 0

08/marzo/2020 - h. 11.42

Dopo la bozza circolata ieri, nella notte è arrivata l'ufficialità. Rimini diventa "zona rossa" mentre per il resto della Romagna varranno le disposizioni valide nelle regioni Italiane in cui il Coronavirus non ha coinvolto troppi casi. Qui il testo integrale del decreto, di seguito una sintesi 

Secondo quanto riferito dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte,  a Rimini, nelle altre 13 province coinvolte dal decreto (in totale 14, contro le 11 ipotizzate inizialmente. In regione sono coinvolte anche Piacenza, Parma, Modena e Reggio-Emilia) e la Lombardia entrerà in vigore il vincolo di evitare ogni spostamento in entrata e in uscita, anche all’interno del territorio: ci si muoverà solo per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute. Sarà permesso rientrare nella propria residenza o domicilio per chi si trova fuori. Fortemente raccomandato restare a casa a chi ha febbre e sintomi da infezione respiratoria, a prescindere dal fatto che sia positivo o no al coronavirus. I positivi al coronavirus, come già oggi, non dovranno uscire di casa. Nei territori oggetto delle maggiori restrizioni  bar e ristoranti potranno restare aperti solo dalle 6 alle 18.

Per tutto il territorio nazionale ono sospesi tutti gli incontri e gli spettacoli di qualsiasi tipo, dai cinema ai musei alle attività sportive (salvo quelle degli atleti professionisti, e solo a porte chiuse o all’aperto senza pubblico). Le lezioni nelle scuole e nelle università, così come le uscite didattiche, sono sospese in tutta Italia. I negozi saranno aperti nei giorni feriali, mentre i bar e i ristoranti se prevedono il servizio al tavolo e garantiscono la distanza di un metro tra le persone.