Regione

Coronavirus, supermercati chiusi alla domenica

Ordinanza firmata dal presidente Stefano Bonaccini. Plauso dei sindacati: "Bene così"

Coronavirus, supermercati chiusi alla domenica
| Altro
N. Commenti 0

21/marzo/2020 - h. 18.49

BOLOGNA - Da domani i supermercati saranno chiusi la domenica, così come ogni tipo di mercato e mercatino, compresi i punti vendita di alimentari sia nei primi che nei secondi. I supermercati già da domani i secondi saranno invece fermi ogni giorno. E’ quanto prevede l’ordinanza firmata questa mattina dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, varata per rafforzare le misure di contrasto alla diffusione del Covid-19. L’atto resterà in vigore fino al prossimo 3 aprile. Il provvedimento prevede anche la chiusura al pubblico dei cimiteri comunali, garantendo, comunque, l’erogazione dei servizi di trasporto, ricevimento, inumazione, tumulazione, cremazione delle salme.

Plauso dei sindacati

In una nota la Cgil ravennate plaude alla scelta di Stefano Bonaccini: "Sosteniamo la giusta decisione del presidente della Regione Stefano Bonaccini che con la sua ordinanza  regola la chiusura dei supermercati in Emilia-Romagna. È una scelta corretta che accoglie la proposta da noi avanzata nei giorni scorsi".

"In una fase delicata e cruciale come questa, chiudere i supermercati la domenica è una decisione responsabile che garantisce un minimo, ma necessario, riposo agli addetti del settore. Permette, in queste giornate, di limitare ulteriormente gli spostamenti delle persone, con maggior beneficio della collettività e senza alcuna preclusione della fornitura di beni di prima necessità (come i generi alimentari) che resta garantita con le aperture durante gli altri giorni della settimana".

"Sarebbe stata opportuna una decisione del Governo così da avere una giusta e corretta omogeneità su tutto il territorio nazionale. Evidentemente non ci sono state le condizioni necessarie per arrivare a questo risultato. A maggior ragione, la decisione assunta da Bonaccini assume ulteriore rilevanza ed importanza. Stiamo entrando in una fase decisiva per la lotta alla diffusione del Covid-19, è necessario continuare ad agire con grande responsabilità. Limitare gli spostamenti alle sole primarie necessità, rispettare ovunque  le norme e i protocolli di sicurezza. Ogni spostamento evitato è un punto in più contro questa battaglia. La salute è prioritaria e ogni azione utile deve essere intrapresa per salvaguardare quella di tutti".