Imola

Sconti alle tasse per bar e ristoranti: il Comune cerca di agevolare le imprese

Sosta: due ore di parcheggio gratis nei parcheggi a barre, prorogati di un mese gli abbonamenti

Inverno ed estate: Imola lavora per un certo fruibile tutto l'anno

Piazza Matteotti a Imola

| Altro
N. Commenti 0

12/maggio/2020 - h. 17.43

IMOLA - Il Comune in campo per sostenere la ripresa delle attività economiche. In attesa dei provvedimenti nazionali che definiranno le modalità di riapertura, il Commissario straordinario Nicola Izzo, assumerà una delibera con i poteri del Consiglio comunale, che stabilisce nuove agevolazioni in fatto di occupazione suolo pubblico, con l’obiettivo di favorire le attività del commercio e della ristorazione.

Per quanto riguarda i mercati ambulanti, la delibera stabilisce, infatti, che “non è dovuto il canone di occupazione suolo pubblico (cosap) per il periodo di sospensione dei mercati derivante dalle disposizioni di contenimento del contagio da Covid 19 e il periodo di sospensione non è da conteggiare come assenza delle singole imprese concessionarie”.

Per bar e ristoranti, la delibera stabilisce che “l’esenzione prevista per le attività di somministrazione alimenti e bevande per superfici fino a 30 metri quadri e di durata inferiore a 180 giorni situate in centro storico è estesa a tutte le attività (di somministrazione) del territorio comunale ed è, inoltre, prevista la possibilità di ampliamento ulteriore pari al 50 % della superficie in esenzione predetta, per attuare il distanziamento sociale prescritto dalle normative nazionali, fino al 31 ottobre 2020 e comunque fino a quando sarà cogente l’obbligo del distanziamento sociale”. Inoltre, la delibera stabilisce che “non è dovuto il canone di occupazione suolo pubblico per l’installazione di sistemi di gestione della fila e fornitura alla clientela di dispositivi per la prevenzione del contagio (es. gel mani e guanti monouso) fino al 31 ottobre 2020 e comunque fino a quando saranno necessarie misure di prevenzione del contagio”.

Le occupazioni di suolo pubblico relative ai suddetti casi “sono consentite nel rispetto delle norme in materia di sicurezza e della circolazione e con la salvaguardia dei diritti delle proprietà e delle attività limitrofe”. Queste misure sono assunte “anche in deroga temporanea ai regolamenti comunali vigenti”. L’obiettivo del Comune è chiaro: si tratta di “provvedere ad adottare misure finalizzate alla ripresa economica delle imprese del territorio, non appena sarà possibile, in base alla decretazione nazionale, riavviare le attività commerciali e di somministrazione alimenti e bevande”.

Va considerato, infatti, che la sospensione di svariate attività imprenditoriali, tra cui il commercio, in sede fissa e ambulante e le attività di somministrazione alimenti e bevande, come misura di contrasto all’epidemia, ha causato ingenti perdite di fatturato alle suddette attività. A questo si aggiunge il fatto che alla prossima riapertura, tali attività dovranno osservare misure di distanziamento sociale per prevenire il contagio da COVID-19 e sarà raccomandato, ove possibile, l’utilizzo di aree all’aperto per lo stazionamento e il consumo da parte della clientela. Serviranno quindi spazi esterni alle attività e il Comune ha deciso di concederli gratuitamente.

Il modulo per fare richiesta di ampliamento è scaricabile dal sito: https://www.areablu.com/moduli-occupazione-suolo-pubblico 

Un provvedimento riguarda anche la sosta: da lunedì 18 maggio scade l’esenzione del pagamento per la sosta, negli stalli destinati alla sosta a pagamento, sia su strada sia nei parcheggi a sbarre, e la sosta senza limitazione temporale per quanto riguarda i posti auto a disco orario (compresi gli stalli destinati al carico e scarico delle merci).

Pertanto, dal 18 maggio torneranno in vigore le normali tariffe e limitazioni di orario. Tuttavia, sempre nell’ottica di agevolare sia i residenti sia e le attività produttive, attraverso un’apposita delibera a firma del Commissario, il Comune ha dato mandato ad Area Blu da un lato di prorogare di un mese  la scadenza di tutti gli abbonamenti per la sosta, dall’altro di emettere 5000 biglietti che consentono di parcheggiare 2 ore gratuitamente nei parcheggi a sbarre, validi fino al 30 settembre 2020. Questi 5.000 biglietti saranno messi a disposizione da lunedì 18 maggio - tramite le associazioni di categorie per i propri aderenti e Area Blu per gli operatori non associati – a favore degli esercizi commerciali e pubblici esercizi del centro storico, che li destineranno ai propri clienti. 

Per il ritiro dei biglietti da Area Blu occorre recarsi al front office di via IV Novembre, 10 – ad Imola – tel. 0542 24762 - email: frontoffice@areablu.com; mentre gli operatori associati potranno recarsi presso la propria associazione di categoria.