Faenza

Piccoli di cicogna sul traliccio salvati e cresciuti dai volontari dell'oasi faentina

Saranno liberate una volta cresciute. Una bella storia che è iniziata il 21 aprile

Piccoli di cicogna sul traliccio salvati e cresciuti dai volontari dell'oasi faentina
| Altro
N. Commenti 0

08/giugno/2020 - h. 16.30

Quattro piccole cicogne e un uovo sono stati recuperati sul traliccio in via Boaria a Faenza. I pulli e l'uovo sono stati affidati  affidati all’Associazione di volontariato Amici delle Cicogne della vicina Oasi delle cicogne area rinaturalizzata e Centro didattico C.Gulmanelli di Faenza, per la notevole esperienza sulla specie Ciconia ciconia acquisita negli anni.

Ma per quale motivo le cicogne faentine hanno costruito il loro nido proprio sopra al traliccio della linea elettrica e quando questo è avvenuto? Questa storia ha inizio nel periodo di Natale 2019, in una nottata particolarmente ventosa, quando uno dei nidi popolati dell’Oasi Faentina situato nell’area verde adiacente all’ingresso principale della sede della ditta Caviro Extra è stato divelto. Nonostante il ripristino del medesimo da parte degli operai Caviro, ditta particolarmente sensibile alle problematiche collegate all’Oasi, la coppia di cicogne che nidificava ormai da circa 15 anni in zona, ha preferito ricostruire un enorme nido sul traliccio di Terna. Al fine di evitare situazioni di pericolo per le cicogne e disservizi elettrici sulla linea, si è prontamente deciso di mettere in sicurezza il nido. Una volta cresciute, le cicogne saranno inanellate e liberate. A recuperare le cicogne, il 21 aprile, una squadra di operati Terna.