Ravenna

Morte Ballardini, cadono le accuse di omicidio. Pene drasticamente tagliate in Appello

Il 19enne era morto nel 2017 dopo una serata con gli amici in seguito ad un'overdose

Morte Ballardini, cadono le accuse di omicidio. Pene drasticamente tagliate in Appello

Matteo Ballardini, la vittima

| Altro
N. Commenti 0

23/luglio/2020 - h. 11.03

RAVENNA - La Corte d'Assise di Appello ha ridotto le pene per la morte del 19enne Matteo Ballardini, escludendo l'omicidio per i quali erano stati condannati gli amici lo scorso anno. In primo grado gli amici che passarono la notte tra l'11 e il 12 aprile 2017, trovato morto la mattina in overdose da metadone in auto, erano stati condannati ad un totale di 48 anni. 

L'Appello ha escluso l'omicidio dai capi di imputazione e diminuito le pene. Beatrice Marani era stata condannata a 15 anni e 4 mesi in primo grado. In Appello è stata condannata a 4 anni e 10 mesi: la morte di Ballardini è stata ritenuta conseguenza di un altro reato, cioè lo spaccio di metadone recuperato dal Sert di Ravenna. Assolta dall'accusa di calunnia “perché il fatto non costituisce reato” dall’accusa di calunnia. Durante le indagini aveva indicato uno straniero come possibile persona coinvolta nella morte del 19enne. 

Gli altri tre imputati sono stati condannati per omissione di soccorso. Leonardo Morara, 29enne, è passato da 14 anni e due masi ad un anno e 600 euro di multa. Pena sospesa e immediata liberazione dal carcere. Per il 23enne Simone Giovanni Palombo e per il 26enne Ayoub Kobabi le pene sono state ancora più lievi: otto mesi ciascuno. In primo grado erano stati condannati a 9 anni e 4 mesi. Le motivazioni della sentenza sono attese entro 60 giorni. La procura generale aveva chiesto la conferma della sentenza di primo grado.