Ravenna

Piattaforma Paguro, via alla mappatura fotografica

Sarà realizzato un prodotto interattivo di realtà virtuale e video immersivi a 360° per la divulgazione al grande pubblico di immagini e ricostruzioni tridimensionali della struttura

Piattaforma Paguro, via alla mappatura fotografica
| Altro
N. Commenti 0

12/agosto/2020 - h. 19.06

RAVENNA - Nell'ambito del progetto Adrireef (Interreg Italia-Croazia) dedicato allo studio, monitoraggio e valorizzazione dei reef del mare Adriatico, il Comune di Ravenna, in collaborazione con Arpae Emilia-Romagna e Associazione Paguro, ha elaborato un progetto di promozione naturalistica e turistica del relitto Paguro, sommerso a circa 11 miglia al largo della costa ravennate.

Il percorso, grazie al coinvolgimento di Ubica srl, prevede la realizzazione di un prodotto interattivo di realtà virtuale e video immersivi a 360° per la divulgazione al grande pubblico di immagini e ricostruzioni tridimensionali della struttura del Paguro. In questo modo, tutti potranno esplorare virtualmente lo stupendo universo sommerso di flora e fauna creatosi negli anni attorno al relitto della piattaforma inabissatasi nel 1965 a circa 25 metri di profondità.

Il team di sommozzatori professionisti di Ubica srl curerà la mappatura del relitto attraverso rilievi fotografici e fotogrammetrici e la sua trasposizione virtuale in 3D. Il tutto sarà arricchito da un’attività di “citizen science” per formare e coinvolgere nelle attività di mappatura subacquei non professionisti appassionati di fotografia e video.

Giovedì 20 agosto andrà on line il webinar formativo. Iscrizione obbligatoria tramite il profilo Facebook del progetto Adrireef o consultando il sito web dove è possibile trovare tutte le informazioni e il link al modulo di iscrizione. Durante il corso i partecipanti riceveranno tutte le informazioni sul tipo di fotografie e video necessari per la mappatura e indicazioni su come utilizzare al meglio la propria attrezzatura. Tutti i partecipanti potranno porre quesiti e chiedere consigli.

A seguito del corso on line sarà possibile, per i subacquei formati, partecipare a giornate di immersioni con l’accompagnamento dei professionisti incaricati per la raccolta del materiale foto e video necessario (spese costo barca a carico dei partecipanti). Sabato 29 agosto ci sarà la prima uscita.

Al termine del progetto, per permettere la massima accessibilità, la visita virtuale al Paguro sarà resa disponibile on line grazie al coordinamento dell’assessorato al Turismo e, allo stesso modo, sarà realizzata una postazione fisica con visori per realtà virtuale. Tutti i dettagli saranno opportunamente pubblicizzati sui canali informativi del progetto Adrireef sopracitati.