Massa Lombarda

Sindaco multato dai vigili: "Il mio sfogo? Non ho l'aplomb inglese..."

Il caso è finito in prefettura per ricomporre i rapporti con il sindacato della polizia locale

Sindaco multato dai vigili: "Il mio sfogo? Non ho l'aplomb inglese..."
| Altro
N. Commenti 0

16/ottobre/2020 - h. 18.00

RAVENNA - C'è stata nella Bassa Romagna tra il sindaco di Massa Lombarda e il sindacato della polizia municipale (Siulp). Tutto è nato da una sanzione che la polizia locale nelle scorse settimane ha comminato a Daniele Bassi, che oltre tutto nell'Unione dei Comuni è delegato alla Sicurezza. La reazione del sindaco, che si è lasciato andare ad un duro sfogo su Whatsapp poi pubblicato dalla stampa locale, è finita per fare infuriare il sindacato della polizia municipale. Tanto che si è reso necessario un incontro in prefettura tra Bassi, il prefetto Enrico Caterino, gli esponenti del sindacato e la comandante della Polizia Locale della Bassa Romagna Paola Neri.


Si legge nella nota della prefettura: "E' stato preliminarmente chiarito che la sanzione comminata al Sindaco, enfatizzata con ripetute evocazioni sulla stampa locale da parte dei rappresentati della sigla sindacale di cui sopra, non solo non è mai stata oggetto di opposizione alcuna, ma è stata immediatamente pagata. Così come è stata pagata un’ulteriore sanzione elevata nella stessa circostanza al Sindaco stesso, il quale – pur in presenza di validi motivi di impugnazione, tra i quali la mancata contestazione immediata - ha preferito non presentare ricorso per ragioni di opportunità e correttezza proprio per il ruolo che riveste".


Il Prefetto, pur apprezzando le scelte di massima correttezza fatte dal Sindaco, "ritiene che occorra un impegno congiunto da parte di tutti gli attori coinvolti per porre termine ad una querelle, che può solo generare un reiterarsi di reciproche critiche e compromettere quel clima di massima sinergia necessario per rendere sempre più efficace l'attività svolta dagli operatori della Polizia Locale a beneficio della collettività".


Nel corso dell’incontro è stata ribadita l’importanza della collaborazione tra le diverse forze dell’Ordine e la Polizia Locale della Bassa Romagna nella quotidiana opera di presidio e controllo del territorio, a tutela dell’ordine pubblico e della sicurezza. A tal riguardo il Prefetto ha espresso apprezzamento al Sindaco, anche nella sua veste di delegato alla Sicurezza, al Comandante Neri e agli altri operatori della Polizia Locale della Bassa Romagna per la competenza, la professionalità e la preziosa e ampia collaborazione

sempre dimostrate.


In merito al comportamento tenuto dagli operatori nell'occasione in cui gli sono state comminate le sanzioni, il Sindaco, nel ribadire la sua piena e positiva considerazione per l'ottimo lavoro che la Polizia Locale della Bassa Romagna svolge quotidianamente al servizio dei cittadini, ha commentato: “È importante che gli agenti contestino le infrazioni nel massimo rispetto degli automobilisti fermati, come sono sicuro normalmente accada. Non posso che essere sorpreso dall’atteggiamento del Sulpl, unico sindacato che attraverso la ricerca della massima visibilità intende acquisire spazi di rappresentatività, senza rendersi conto che tutto questo getta discredito su degli agenti che svolgono con grande difficoltà il loro lavoro. In merito ai messaggi a me attribuiti e pubblicati dalla stampa locale nei giorni scorsi, vorrei chiarire che sono stati inviati in una chat interna privata, di cui tra l'altro non fanno parte gli agenti che hanno elevato la sanzione. Si è trattato di un banalissimo sfogo di una persona infastidita perché messa in condizione di fare tardi a un appuntamento, come può capitare a chiunque. Sono i modi di chi non ha mai inteso essere rappresentato come un maestro di galateo dall’aplomb inglese e dai modi aristocratici, ma piuttosto come un uomo d’azione, sempre disponibile e presente. Ed è questo che sono”.