Forlì

Il sindaco: "Misure terribili per le imprese, ma nostro dovere farle rispettare"

Il primo cittadino molto critico verso il governo Conte: "Le proposte delle Regioni e degli enti locali erano più miti"

Il sindaco: "Misure terribili per le imprese, ma nostro dovere farle rispettare"
| Altro
N. Commenti 0

26/ottobre/2020 - h. 11.07

FORLì - Il sindaco di Forlì Gian Luca Zattini sostiene che il provvedimento del governo è "un colpo mortale per tutti".  Per il primo cittadino "il mondo dello sport, quello della ristorazione e dello spettacolo si apprestano a diventare i banchi di prova del tessuto socioeconomico del nostro Paese. Il fatto che le proposte, più miti e responsabili, di regioni ed enti locali non siano state prese in considerazione a fronte di un approccio più punitivo, a tratti incomprensibile, di questo governo, desta una profonda preoccupazione. Con questa seconda ondata di restrizioni, intere categorie produttive rischiano il collasso. A loro, va la mia più sincera e immediata vicinanza. Ma quando si amministra una città come la nostra, e si ha a cuore il futuro dei suoi cittadini, non c'è tempo per le polemiche. Bisogna mettere da parte le considerazioni personali, soprattutto quelle politiche, e agire nell’interesse comune. Preso atto quindi dei contenuti e delle restrizioni imposte dal nuovo Dpcm, compito di questa Amministrazione non può che essere quello di farle applicare, nel rispetto dei singoli ruoli e del principio di gerarchia delle fonti a cui il nostro ordinamento fa riferimento".

Fatta questa premessa e al netto degli sviluppi del quadro nazionale, "già da oggi questa Giunta sta ragionando - per quanto di sua competenza - sull'adozione di strumenti concreti ed immediati per venire incontro alle situazioni di sofferenza che inevitabilmente si verranno a creare con l'adozione di quest'ultimo provvedimento. Mantenendo lo stesso approccio del mese di marzo, ci muoveremo in sinergia con tutte le associazioni di categoria, con i sindacati e le parti sociali per costruire un ventaglio di misure economiche in grado di tamponare gli effetti derivanti da chiusure e restrizioni. Continueremo a dimostrare la stessa volontà di misurarsi contro il virus per arginarne le ricadute.
La pandemia che stiamo vivendo segnerà i nostri ricordi. Invito tutti i forlivesi a rispettare le misure contenute nel Dpcm e a mettere al primo posto la tutela della salute pubblica. Solo in un clima di condivisione e rispetto reciproco si potranno individuare soluzioni comuni".