Pandemia: i controlli

A Ravenna sette multe per omesso uso della mascherina, chiuso un circolo

A Forlì i vigili hanno fatto opera di sensibilizzazione ma non elevato sanzioni

A Ravenna sette multe per omesso uso della mascherina, chiuso un circolo
| Altro
N. Commenti 0

13/novembre/2020 - h. 18.26

Multe a Forlì e a Ravenna per la mancata osservazione delle norme per il contenimento della pandemia. Gli agenti forlivesi hanno controllato 32 persone. Tali verifiche hanno fatto emergere tre violazioni rispetto alla normativa del nuovo Regolamento di Polizia Urbana per il consumo di alcolici in contenitori di vetro e due sanzioni per il mancato uso della mascherina all'interno di locali. Sono inoltre stati sorpresi due giovani non forlivesi in possesso di modiche quantità di sostanze stupefacenti e a loro carico sono state attivate le pratiche di segnalazione alla autorità competenti. 

Gli agenti hanno inoltre svolto una attività di sensibilizzazione nei confronti dei provvedimenti anti-covid che, in base all'ultima ordinanza regionale, entreranno in vigore a partire dalla giornata di sabato 14 novembre. “Mi preme rivolgere un ringraziamento dalla Polizia Locale per questo intervento – afferma il Vicesindaco con delega alla sicurezza Daniele Mezzacapo – perché penso sia doveroso intervenire con sempre maggiore fermezza nei confronti di quelle persone che non rispettano le altre persone e gli spazi della comunità. L'attenzione alle regole è l'elemento fondamentale per la convivenza e, soprattutto in questo difficile momento, anche per la tutela della salute”.

A Ravenna, sono sette le sanzioni da 400 euro elevate per non avere messo la mascherina nella zona del del parco Teresa Gamba. Dopo la mezzanotte, inoltre, una pattuglia della Sezione Pronto Intervento ha sorpreso un giovane in circolazione senza giustificato motivo.

Durante l’odierna giornata, l’Ufficio Polizia Commerciale e Tutela del Consumatore ha infine applicato il provvedimento di chiusura temporanea (5 giorni) a carico di un circolo privato dei lidi centrali, rimasto aperto, con 30 persone presenti all’interno, nonostante il divieto di prosecuzione di attività introdotto dalla normativa nazionale.

Ulteriori controlli effettuati presso la zona dei giardini Speyer hanno portato alla contestazione di una violazione all’ordinanza per consumo di bevanda alcolica contenuta in bottiglia di vetro.