Cesenatico

In un hotel solo lavoratori in nero: chiuso dalla Finanza

All’interno dell’albergo erano rimasti pochi turisti che erano giunti al termine delle loro vacanze.

In un hotel solo lavoratori in nero: chiuso dalla Finanza
| Altro
N. Commenti 0

26/gennaio/2021 - h. 17.50

 La Tenenza della Guardia di Finanza di Cesenatico nell’ambito delle attività di contrasto al sommerso da lavoro lungo tutta la fascia costiera della provincia forlivese, ripreso costantemente dopo il lockdown correlato all’emergenza covid-19, ha effettuato anche un controllo presso un noto albergo di viale Carducci che era stato oggetto di svariate segnalazioni. 
I finanzieri all’atto dell’accesso hanno accertato che la struttura ricettiva era pienamente operativa senza la presenza di titolari e/o referenti qualificati impiegando per la gestione operativa soltanto lavoratori stranieri completamente in nero. E’, quindi, apparsa certamente singolare una gestione del genere che sarà oggetto di successiva analisi da parte dei militari deputati all’ultimazione dell’azione ispettiva con la conseguente formalizzazione delle sanzioni amministrative. 
In ragione della sussistenza dei presupposti di legge è stata immediatamente richiesta (ed ottenuta) la sospensione dell’attività da parte della competente I.T.L. di Forlì che ha emesso il relativo provvedimento; fortunatamente all’interno dell’albergo erano rimasti pochi turisti che erano giunti al termine delle loro vacanze. 
Tali ispezioni rientrano nell’alveo delle attività che la Guardia di Finanza, dopo la graduale riduzione delle misure emergenziali, ha aggiornato ponendo in essere delle linee di azione atte a contrastare, in maniera trasversale, i fenomeni di illegalità economico-finanziaria tra cui proprio quello del lavoro nero o irregolare che, nell’attuale quadro socio-economico, pregiudica significativamente i diritti degli operatori economici e dei lavoratori sul territorio. 
CESENA  -La Tenenza della Guardia di Finanza di Cesenatico nell’ambito delle attività di contrasto al sommerso da lavoro lungo tutta la fascia costiera della provincia forlivese, ripreso costantemente dopo il lockdown correlato all’emergenza covid-19, ha effettuato un controllo presso un noto albergo dei Cesenatico che era stato oggetto di svariate segnalazioni. I finanzieri all’atto dell’accesso hanno accertato che la struttura ricettiva era pienamente operativa senza la presenza di titolari e/o referenti qualificati impiegando per la gestione operativa soltanto lavoratori stranieri completamente in nero. 

E’, quindi, apparsa certamente singolare una gestione del genere che sarà oggetto di successiva analisi da parte dei militari deputati all’ultimazione dell’azione ispettiva con la conseguente formalizzazione delle sanzioni amministrative. In ragione della sussistenza dei presupposti di legge è stata immediatamente richiesta (ed ottenuta) la sospensione dell’attività da parte della competente I.T.L. di Forlì che ha emesso il relativo provvedimento; fortunatamente all’interno dell’albergo erano rimasti pochi turisti che erano giunti al termine delle loro vacanze. 

Tali ispezioni rientrano nell’alveo delle attività che la Guardia di Finanza, dopo la graduale riduzione delle misure emergenziali, ha aggiornato ponendo in essere delle linee di azione atte a contrastare, in maniera trasversale, i fenomeni di illegalità economico-finanziaria tra cui proprio quello del lavoro nero o irregolare che, nell’attuale quadro socio-economico, pregiudica significativamente i diritti degli operatori economici e dei lavoratori sul territorio.