Maestri della marijuana in manette

Coltivatore specializzato nella canapa arrestato dai carabinieri. Sequestrati strumenti per una coltivazione ad-hoc

I campioni di terriccio pronti per la semina, mostrati durante la conferenza stampa

Foto Enrico Rondoni

| Altro
N. Commenti 0

19/settembre/2011 - h. 13.12

FORLI' - Con l'arte e la conoscenza impegnate nella coltivazione di quelle piante di marijuana avrebbero potuto dare vita ad un giardino degno del Quirinale. I due coltivatori di stupefacenti in questione non sono di certo principianti o semplici consumatori lanciatisi nell'autoproduzione della droga. Si tratta di professionisti del pollice verde e l'armamentario sequestrato ne è la prova. Pompe per il pescaggio dell'acqua, indicatori di ph, fertilizzanti specifici e kit di terreno approntati per ricevere la semina della canapa.

A scoprire la piantagione composta da una cinquantina di arbusti sono stati i carabinieri di Castrocaro, che mentre si appostavano in zona Petrignone alla caccia di un potenziale ladro, si sono ritrovati davanti due "giardinieri" di piante illegali. Tutto è infatti nato da un'automobile sospetta che troppo spesso transitava per quelle colline e quei campi. I residenti temevano si trattasse di un ladro in giro di ispezione prima del colpo ed hanno così allertato i militari del "112". Disposti i controlli sul territorio in questione, i carabinieri hanno così scoperto la reale entità di auto e conducente, in viaggio per via Petrignone non per reati contro il patrimonio, ma per una passione innata per la marijuana.

In manette è finito un 31enne forlivese, L.D.L., pregiudicato, arrestato in flagranza di reato per coltivazione di stupefacenti. Nei guai è finto anche il suo complice, M.M.C., 29enne sempre di Forlì.

Ammanettato mentre si recava ad accudire le sue piante, il 31enne è stato poi accompagnato nella sua abitazione per la perquisizione. Tra le altre cose, lì sono spuntate 24 ciotole riempite con terriccio opportunamente trattato per la coltivazione della canapa.
L'arresto è stato convalidato e per l'uomo è stato disposto l'obbligo di dimora.