Faenza

La strana Faenza di Wikipedia

Tantissimi sono gli errori riportati nell’enciclopedia libera legati alla città: “Il Mei c’è stato fino al 2011” “Cna sindacato di agricoltori”

La strana Faenza di Wikipedia
| Altro
N. Commenti 0

05/luglio/2014 - h. 12.30

FAENZA - Se volete mettere insieme un bel po’ di castronerie su Faenza e dintorni, fa tevi un giro su Wikipedia. E’, purtroppo, piuttosto frequente che nella “web catasta” di informazioni vengano ad ammucchiarsi anche elementi non veri, o distorti, per lo più frutto non di malafede, ma di ignoranza spicciola. Godiamoci quindi alcune “perle” che siamo andati a pescare, per sorridere e sperare che qualche tastiera amorevole vada a correggere.

Diamo il via al viaggio con “I maggiori monumenti della città sono raccolti nelle due piazze contigue cittadine, sistemate a partire dal 1313: Piazza del Popolo e Piazza della Libertà. La prima accoglie gli edifici medioevali del Palazzo del Podestà e del Palazzo del Municipio”...”. Bene il primo, male il secondo, che può essere definito in maniere diverse ma si chiama comunque Palazzo Manfredi. Quasi agghiacciante quanto segue sull’argomento “economia”: “Faenza è una città industrializzata. La zona industriale si chiama ‘San Silvestro’ e si sviluppa a nord dell’abitato, verso l’Autostrada A14. La zona commerciale copre la vasta area che si estende dal cavalca-ferrovia della stazione fino al casello autostradale, posto 3 km a nord della città. Vi si trovano due grossi centri commerciali e la sede locale del Consiglio Nazionale dell’Agricoltura (CNA). Un terzo centro commerciale è stato costruito a ridosso del centro cittadino”.

Partendo da quest’ultimo è facile pensare che si tratti dello shopping center “La Filanda” accanto al quale c’è la moderna sede locale della Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della piccola impresa, ossia la CNA, che nulla ha a che spartire con l’agricoltura! Dove si trovino i due “grossi centri commerciali” fra il cavalcavia e il casello siamo a chiedercelo; di sicuro, oltre il casello, c’è “Le Maioliche”. E comunque la Faenza “industrializzata” è stata un bel ricordo e soprattutto un auspicio, partito dalla vera zona industriale che si trova tutt’ora a ovest della città. E ancora: l’autentica zona commerciale di Faenza è il centro urbano, in particolare quello storico.

In tema di trasporti, beccatevi questa: “La stazione delle corriere è capolinea di molte linee e può collegare molte località grazie al- le coincidenze”. Forse fino agli anni ‘80. Prima che iniziasse la falcidie... Eccoci allo sport, dove dopo un passaggio sul calcio, si va al calcetto: “Molto più praticato in città è invece il calcio a 5, con 36 squadre iscritte al campionato faentino del Futbolito, 12 al campionato del Circolo Tennis e 16 al torneo delle Mimose”. Alla faccia del consolidato Faventia Mercom che punta alla serie B, naturalmente nazionale. Rimbalzando sulla Formula 1, si cita il “team fondato nel 1979 da Giancarlo Minardi con il nome di Team Minardi, il gruppo è stato poi acquistato nel 2005 dalla austriaca Red Bull e ribattezzato Scuderia Toro Rosso”. Sì, va bene, ma all’inizio si chiamava “Scuderia del Passatore”, che Minardi proiettò in alto sin dal 1972. In tema di impiantistica troviamo il “PalaBubani; ha una capienza di 1.500 posti. Attualmente, a causa di una sponsorizzazione, si chiama anche PalaCofra”. Però lo sponsor non c’è più da tempo ed è omologato per 99 persone; inoltre, a volergliene mettere dentro tanti, si arriva al massimo a 1.200. Il sacrilegio si compie, infine, con il Mei del grande comunicatore Giordano Sangiorgi: “Fino al 2011, durante il mese di novembre, si svolgeva la manifestazione che in assoluto ha portato in città il maggior numero di visitatori: il Meeting Etichette Indipendenti (Mei), evento in cui si radunano case discografiche e musicisti che si definiscono indipendenti dalle major discografiche. La manifestazione, dalla sua 16esima edizione (2012) si è trasferita a Bari presso il Medimex”. Ovviamente, il prossimo Mei sta scaldando i motori per l’ennesima edizione in programma a fine settembre, come sempre a Faenza.