Godo di Russi

Acqua dal soffitto, caos alla materna

Aula prima inagibile poi riaperta all’istituto Aquilone dopo vertice tra Comune e genitori

Acqua dal soffitto, caos alla materna
| Altro
N. Commenti 0

26/maggio/2015 - h. 12.32

GODO - Da una parte i vigili del fuoco che in via prudenziale hanno inizialmente dichiarato inagibile l’aula, dall’altra il Comune che, alla luce degli accertamenti dei propri tecnici e di alcuni lavori d’emergenza eseguiti negli ultimi giorni, ha riaperto l’aula scolastica in prima battuta ritenuta utilizzabile. In mezzo al ‘balletto’ delle decisioni, i genitori della scuola materna 

“L’aquilone” di Godo di Russi, piuttosto allarmati e disorientati, tanto che ieri mattina, alla riapertura dell’istituto, alcuni di loro hanno preferito tenere i propri figli a casa. Proprio dai genitori, venerdì scorso, era partita la segnalazione relativa alla presunta pericolosità della struttura e in particolare del soffitto di un’aula della sezione ‘passerotti’. 

Qui, infiltrazioni d’acqua - anche a causa delle precipitazioni abbondanti degli ultimi giorni - avrebbero reso l’intonaco pericolante e costretto il personale a collocare secchi d’emergenza sul pavimento. La situazione era stata documentata da un genitore che con una lettera inviata al preside dell’istituto, all’assessore alla scuola, Laura Errani, al sindaco Sergio Retini, al comandante della Polizia Municipale e ai membri del consiglio comunale, aveva immediatamente evidenziato “lo stato di grave degrado in cui versano i locali della scuola dell’infanzia di via Montessori nonostante le ripetute segnalazioni da parte del personale scolastico negli ultimi anni”. 

Prontamente, nel pomeriggio di venerdì, era scattato il sopralluogo dei vigili del fuoco che, in via prudenziale, avevano dichiarato inagibile l’aula della sezione dei bambini di 5 anni. Il Comune, che ha garantito per l’estate una corposa ristrutturazione (l’ampliamento della scuola materna rientra tra le ‘compensazioni’ legate alla riconversione dell’ex zuccherificio) ha svolto le proprie verifiche, alle quali hanno fatto seguito alcuni ‘lavori tampone’ tra sabato e ieri mattina. 

Ieri pomeriggio c’è stata una nuova verifica tecnica congiunta fra istituzioni, vigili del fuoco e genitori dalla quale sarebbe emerso lo stato di non pericolosità del tetto. In via prudenziale, alla luce anche delle richieste dei genitori, il Comune ha optato per una riorganizzazione degli spazi, con chiusura immediata dell’aula in caso di pioggia intensa.