Cervia

Albergatori e bagnini Confcommercio una proposta unitaria per la Bolkestein

Le due categorie si impegnano a tutelare e a promuovere il turismo familiare facendosi carico delle nuove esigenze

Albergatori e bagnini Confcommercio una proposta unitaria per la Bolkestein
| Altro
N. Commenti 0

10/febbraio/2016 - h. 14.51

Gli albergatori di Ascom Federalberghi e i bagnini del SIB-Sindacato Italiano Balneari aderente a Confcommercio hanno deciso di intraprendere un percorso di approfondimento del modello turistico cervese, incentrato sull'integrazione tra settore ricettivo e servizi di spiaggia, per addivenire ad una proposta unitaria sulla direttiva europea Bolkestein.

Le due categorie turistiche si impegnano a tutelare e a promuovere il turismo familiare facendosi carico delle nuove esigenze evidenziate dall'evoluzione del mercato e sostenendo le imprese familiari, hotel e stabilimenti balneari, che ne rappresentano il perno. In particolare, Maurizio Zoli, presidente Ascom Federalberghi e Ambra Ortali, presidente SIB  Cervia, concordano nel perseguire un sistema “di spiaggia leggera”, basato su servizi finalizzati al benessere e alla convivenza serena e sulla cura dell'ambiente marino, dell'arenile e della fascia retrostante i bagni.

Per quanto riguarda la direttiva Bolkestein, albergatori e bagnini metteranno a punto una proposta unitaria con l'obiettivo di preservare l'identità degli stabilimenti balneari cervesi  in vista della procedura di asta pubblica prevista dall'Europa. I due presidenti, consapevoli che la trattativa sulla Bolkestein si presenta complessa e di non immediata soluzione, sono impegnati a monitorare gli sviluppi della situazione, che vede impegnati il Governo italiano e la Regione Emilia-Romagna, e terranno aggiornati in tempo reale gli operatori turistici cervesi.