Vela

Disabilità. C’è la vela come terapia

Hanno preso il via al Circolo Nautico di Cervia le uscite in barca del “Mare che cura’

Disabilità. C’è la vela come terapia
| Altro
N. Commenti 0

19/giugno/2016 - h. 20.36

Hanno preso il via ieri al Circolo Nautico di Cervia le uscite in barca del progetto “Il mare che cura”. Al suo sesto anno di vita, il progetto di vela-terapia è intitolato alla memoria di Francesca Pepoli, psicologa e psicoterapista di Cervia, scomparsa a 30 anni nel giugno del 2013 per una leucemia fulminante.

Il progetto di vela-terapia era stato ideato e portato avanti negli anni scorsi da Francesca Pepoli e da altri giovani psicologi, fra cui Erica Comandini e Serena Buda, proponendo a ragazzi con disabilità fisica e relazionale e alle loro famiglie la vela-terapia come momento di divertimento, cura e socialità. “Il mare che cura” oggi è realizzato dalla Coop Co.r.i.f di Ravenna, dalla Congrega del Passatore, dalla Coop “Lo stelo” e dal Circolo Nautico di Cervia. Il progetto si rivolge a giovani con disabilità fisica e relazionale del territorio di Cervia e prevede un corso vela pratico sulle imbarcazioni a vela “Passatore” di proprietà dei soci della Congrega.