Ravenna

Daesena, un progetto con 12 interventi

Quattro interventi pubblici proposti dal Comune e otto proposti dai privati

Daesena, un progetto con 12 interventi
| Altro
N. Commenti 0

31/agosto/2016 - h. 02.29

Ieri in municipio nel corso di una conferenza stampa è stato presentato il progetto Ravenna in Darsena il mare in piazza, candidato dal Comune di Ravenna al bando statale per il Programma Straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia.  Si tratta di un unico progetto organico di candidatura che si compone di 12 interventi, strategicamente ed univocamente finalizzati alla riqualificazione della Darsena: 4 interventi pubblici proposti dal Comune e 8 interventi proposti dai privati. I materiali al link  http://goo.gl/HaPKkI
"Venerdì 26 agosto abbiamo presentato il progetto unitario "Ravenna in Darsena il mare in piazza" deliberato nella giunta del 25 agosto attraverso il quale ci candidiamo al bando - ha esordito l'assessore alla Rigenerazione urbana Federica Del Conte-. Abbiamo così raggiunto un primo traguardo, non scontato vista la ristrettezza dei tempi, lavorando in squadra con i privati che hanno manifestato interesse a partecipare al bando. Con i soggetti privati abbiamo sancito gli impegni e le modalità per le rispettive progettazioni definitive ed esecutive da realizzarsi in caso di aggiudicazione dei contributi. Ringrazio tutti  i tecnici comunali e privati che si sono impegnati nella redazione di questo progetto unitario, gli enti pubblici e tutti i privati che hanno partecipato rispettando i termini del bando. Colgo l'occasione per sottolineare che come Amministrazione comunale manteniamo una grande apertura nei riguardi dei privati che non avevano le condizioni per partecipare a questo bando e che vorranno proporci idee per la riqualificazione della Darsena". 
 
“Voglio ringraziare tutti i tecnici dell’amministrazione e degli enti che ci hanno supportato, l’Autorità Portuale in primis, e anche i tanti privati e i loro tecnici che, nel poco tempo a disposizione, hanno dato vita ai progetti per prendere parte a questa candidatura. La dimostrazione di una città che manifesta una così forte generosità e attenzione rispetto ai suoi luoghi pubblici simbolo, è già una bella vittoria - ha dichiarato il sindaco Michele de Pascale-.  Tanta progettualità e la conseguente disponibilità a investire appare tutt’altro che scontata, rappresenta una scelta coraggiosa da parte degli imprenditori che con la partecipazione a questo bando s’impegnano ufficialmente a realizzare gli investimenti.
Nel progetto c’è il mix di tutti quegli aspetti di cui da tempo si parla per la nostra darsena, dagli interventi meno impattanti di riuso temporaneo (come Darsena Pop up), fino a interventi di riqualificazione più strutturati (come quello che riguarda il Sigarone); è chiaro che l’intervento macro di risanamento ambientale d’investimento sulla rete fognaria rappresenta la pre-condizione alla realizzazione degli altri interventi.
Sono molto contento del risultato che abbiamo conseguito, ottenere il finanziamento sarebbe un successo straordinario, in ogni caso questo progetto ci ha dato modo di quantificare in maniera molto chiara le criticità, le priorità d’investimento e non ultimo di sapere che c’è un numero significativo di privati che, a fronte delle opere di risanamento, sono disponibili a prendersi l’impegno ad investire”.
Ieri in municipio nel corso di una conferenza stampa è stato presentato il progetto Ravenna in Darsena il mare in piazza, candidato dal Comune di Ravenna al bando statale per il Programma Straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia.  Si tratta di un unico progetto organico di candidatura che si compone di 12 interventi, strategicamente ed univocamente finalizzati alla riqualificazione della Darsena: 4 interventi pubblici proposti dal Comune e 8 interventi proposti dai privati. I materiali al link  http://goo.gl/HaPKkI

"Venerdì 26 agosto abbiamo presentato il progetto unitario "Ravenna in Darsena il mare in piazza" deliberato nella giunta del 25 agosto attraverso il quale ci candidiamo al bando - ha esordito l'assessore alla Rigenerazione urbana Federica Del Conte-. Abbiamo così raggiunto un primo traguardo, non scontato vista la ristrettezza dei tempi, lavorando in squadra con i privati che hanno manifestato interesse a partecipare al bando. Con i soggetti privati abbiamo sancito gli impegni e le modalità per le rispettive progettazioni definitive ed esecutive da realizzarsi in caso di aggiudicazione dei contributi. Ringrazio tutti  i tecnici comunali e privati che si sono impegnati nella redazione di questo progetto unitario, gli enti pubblici e tutti i privati che hanno partecipato rispettando i termini del bando. Colgo l'occasione per sottolineare che come Amministrazione comunale manteniamo una grande apertura nei riguardi dei privati che non avevano le condizioni per partecipare a questo bando e che vorranno proporci idee per la riqualificazione della Darsena".  

“Voglio ringraziare tutti i tecnici dell’amministrazione e degli enti che ci hanno supportato, l’Autorità Portuale in primis, e anche i tanti privati e i loro tecnici che, nel poco tempo a disposizione, hanno dato vita ai progetti per prendere parte a questa candidatura. La dimostrazione di una città che manifesta una così forte generosità e attenzione rispetto ai suoi luoghi pubblici simbolo, è già una bella vittoria - ha dichiarato il sindaco Michele de Pascale-.  Tanta progettualità e la conseguente disponibilità a investire appare tutt’altro che scontata, rappresenta una scelta coraggiosa da parte degli imprenditori che con la partecipazione a questo bando s’impegnano ufficialmente a realizzare gli investimenti.

Nel progetto c’è il mix di tutti quegli aspetti di cui da tempo si parla per la nostra darsena, dagli interventi meno impattanti di riuso temporaneo (come Darsena Pop up), fino a interventi di riqualificazione più strutturati (come quello che riguarda il Sigarone); è chiaro che l’intervento macro di risanamento ambientale d’investimento sulla rete fognaria rappresenta la pre-condizione alla realizzazione degli altri interventi.Sono molto contento del risultato che abbiamo conseguito, ottenere il finanziamento sarebbe un successo straordinario, in ogni caso questo progetto ci ha dato modo di quantificare in maniera molto chiara le criticità, le priorità d’investimento e non ultimo di sapere che c’è un numero significativo di privati che, a fronte delle opere di risanamento, sono disponibili a prendersi l’impegno ad investire”.