Ravenna

Giulia Ballestri, 40 anni, trovata assassinata

Il suo corpo ritrovato massacrato in una villa abbandonata. Indiziato il marito, il dermatologo Matteo Cagnoni

Giulia Ballestri, 40 anni, trovata assassinata
| Altro
N. Commenti 0

19/settembre/2016 - h. 16.37

 

Il corpo di Giulia Ballestri, 40 anni, è stata ritrovata morta questa notte nello scantinato di una villa abbandonata, in via Padre Genocchi a Ravenna, di proprietà del marito, il dermatologo Matteo Cagnoni. Da venrdì scorso non si avevano notizie di lei e il fratello, allarmato, si era recato ieri a denunciarne la scomparsa.
Questa mattina, durante una conferenza stampa tenuta dal Procuratore Capo della Repubblica di Ravenna, Alessandro Mancini, insieme al pm Cristina D’Aniello, sono stati illustrati i particolari su quello che è un chiaro omicidio e il punto al quale sono le indagini sul caso.
Dopo la denuncia del fratello della 40enne sono scattate le indagini che hanno portato alla villa abbandonata, qui, tra numerose tracce di sangue rinvenute ovunque, fino lungo la scala che porta allo scantinato dove è stato trovato il corpo della donna massacrato di ferite al volto e alla testa.
Il primo indagato dell'efferato delitto è il marito con il quale la donna stava convivendo nonostante fosse in corso una separazione fra i due. E, cosa alquanto indiziante, l'uomo non ne aveva denunciato la scomparsa. Il dermatologo è stato fermato oggi a Firenze dove si trovava nella casa dei genitori, insieme ai tre figli della coppia, tutti minori tra i 6 e gli 11 anni.
Altro indizio importante che accusa il medico Matteo Cagnoni è il fatto che l’uomo era l’unico in possesso delle chiavi della villa, che la polizia quando è giunta alla villa questa era chiusa a chiave e con l’allarme inserito. Il suo fermo è in attesa di convalida da parte del Procuratore Capo di Firenze.
Il corpo di Giulia Ballestri, 40 anni, è stata ritrovata morta questa notte nello scantinato di una villa abbandonata, in via Padre Genocchi a Ravenna, di proprietà del marito, il dermatologo Matteo Cagnoni, 51 anni. Da venrdì scorso non si avevano notizie di lei e il fratello, allarmato, si era recato ieri a denunciarne la scomparsa.

Questa mattina, durante una conferenza stampa tenuta dal Procuratore Capo della Repubblica di Ravenna, Alessandro Mancini, insieme al pm Cristina D’Aniello, sono stati illustrati i particolari su quello che è un chiaro omicidio e il punto al quale sono le indagini sul caso.

Dopo la denuncia del fratello della 40enne sono scattate le indagini che hanno portato alla villa abbandonata, qui, tra numerose tracce di sangue rinvenute ovunque, fino lungo la scala che porta allo scantinato dove è stato trovato il corpo della donna massacrato di ferite al volto e alla testa.

Il primo indagato dell'efferato delitto è il marito con il quale la donna stava convivendo nonostante fosse in corso una separazione fra i due. E, cosa alquanto indiziante, l'uomo non ne aveva denunciato la scomparsa. Il dermatologo è stato fermato oggi a Firenze dove si trovava nella casa dei genitori, insieme ai tre figli della coppia, tutti minori tra i 6 e gli 11 anni.

Altro indizio importante che accusa il medico Matteo Cagnoni è il fatto che l’uomo era l’unico in possesso delle chiavi della villa, che la polizia quando è giunta alla villa questa era chiusa a chiave e con l’allarme inserito. Il suo fermo è in attesa di convalida da parte del Procuratore Capo di Firenze.