Ravenna

Trovato deposito nascosto di gasolio

C'erano 4000 litri stoccati in una cisterna. I finanzieri insospettiti dai tanti veicoli in zona

Trovato deposito nascosto di gasolio
| Altro
N. Commenti 0

06/ottobre/2016 - h. 01.30

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Ravenna, nel corso dei
quotidiani servizi di perlustrazione e controllo condotti nell’area portuale di Ravenna, hanno individuato un deposito clandestino di carburante celato
all’interno di un magazzino in zona Darsena. I finanzieri, insospettiti da un’insolita presenza di alcuni autoveicoli che si aggiravano nei pressi del magazzino, sono immediatamente intervenuti per verificare cosa vi fosse
stoccato all’interno. 
Dal controllo è emerso che nel locale, apparentemente adibito a deposito di
materiale per l’edilizia, vi erano nascoste due cisterne della capienza di 4 metri cubi, nelle quali i militari hanno trovato 4.000 litri di gasolio detenuto abusivamente. Il titolare del magazzino non è stato infatti in grado di esibire
alcuna documentazione attestante la legittima provenienza del carburante ed i due serbatoi sono risultati installati senza alcuna precauzione antincendio ed
in spregio a qualsiasi norma di sicurezza.
Il gasolio clandestinamente detenuto e le due cisterne sono state quindi sottoposte a sequestro dalla Guardia di Finanza ed il trasgressore è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Ravenna per il reato di sottrazione al pagamento dell’accisa sul prodotto energetico e per aver
omesso di richiedere le previste autorizzazioni per lo stoccaggio di liquidi infiammabili e le necessarie certificazioni in materia di prevenzione incendi. Il risultato di servizio evidenzia il costante impegno delle Fiamme Gialle per la sicurezza economico-finanziaria, a tutela degli operatori rispettosi delle regole e della legalità.
Duplice, infatti, sarebbe stato il danno che l’immissione in consumo del gasolio clandestino avrebbe arrecato all’economia legale: da un lato la sottrazione all’erario di imposte, dall’altro una concorrenza sleale sul mercato
del carburante.
Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Ravenna, nel corso dei quotidiani servizi di perlustrazione e controllo condotti nell’area portuale di Ravenna, hanno individuato un deposito clandestino di carburante celato all’interno di un magazzino in zona Darsena. I finanzieri, insospettiti da un’insolita presenza di alcuni autoveicoli che si aggiravano nei pressi del magazzino, sono immediatamente intervenuti per verificare cosa vi fosse stoccato all’interno. 

Dal controllo è emerso che nel locale, apparentemente adibito a deposito di materiale per l’edilizia, vi erano nascoste due cisterne della capienza di 4 metri cubi, nelle quali i militari hanno trovato 4.000 litri di gasolio detenuto abusivamente. Il titolare del magazzino non è stato infatti in grado di esibire alcuna documentazione attestante la legittima provenienza del carburante ed i due serbatoi sono risultati installati senza alcuna precauzione antincendio edin spregio a qualsiasi norma di sicurezza.

Il gasolio clandestinamente detenuto e le due cisterne sono state quindi sottoposte a sequestro dalla Guardia di Finanza ed il trasgressore è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Ravenna per il reato di sottrazione al pagamento dell’accisa sul prodotto energetico e per averomesso di richiedere le previste autorizzazioni per lo stoccaggio di liquidi infiammabili e le necessarie certificazioni in materia di prevenzione incendi. Il risultato di servizio evidenzia il costante impegno delle Fiamme Gialle per la sicurezza economico-finanziaria, a tutela degli operatori rispettosi delle regole e della legalità.

Duplice, infatti, sarebbe stato il danno che l’immissione in consumo del gasolio clandestino avrebbe arrecato all’economia legale: da un lato la sottrazione all’erario di imposte, dall’altro una concorrenza sleale sul mercatodel carburante.