Cervia

Armati di bastone tentano di rapinare due giovani

Due magrebini li hanno aggrediti con due pali di legno di oltre 150 cm. Finisce con un ladro col setto nasale rotto

Armati di bastone tentano di rapinare due giovani
| Altro
N. Commenti 0

01/maggio/2017 - h. 02.45

Nella notte tra sabato e domenica, alle ore 3,30 due malviventi nel parcheggio pubblico in piazzale della Resistenza, aggredivano con due pali di legno della lunghezza di oltre 150 cm, a scopo di rapina, un 31enne ed un 25enne, impiegati, che stavano lasciando la loro auto per rientrare a casa. 
Appena fermata la vettura C.A., 34enne marocchino, apriva lo sportello dalla parte del conducente, lo faceva scendere di peso dall’auto e, dopo avere messo a soqquadro l’abitacolo dell’auto senza trovare nulla lo inseguiva con il bastone, mentre E.A., 31enne anch'esso marocchino,  provava a fare la stessa cosa con il passeggero che invece riusciva a reagire. Ne scaturiva una colluttazione nella quale E.A. riportava la frattura del setto nasale con prognosi diagnostica di 30 gg., mentre le due vittime, fortunatamente, hanno riportato solo lievi contusioni.
La “gazzella”, che in quel momento transitava nel vicino viale della Stazione, interveniva immediatamente su richiesta telefonica di una delle due vittime, trovando quello col setto nasale rotto dolorante a terra, mentre l'altro, nel vano tentativo di dileguarsi, aggrediva anche i militari, uno dei quali riportava  anche delle contusioni, e venendo pertanto deferito anche per il reato di resistenza e violenza a pubblico ufficiale.
Entrambi i marocchini, regolari, di fatto sessa fissa dimora, nullafacenti e pluripregiudicati, sono stati arrestati per il reato di concorso in “tentata rapina aggravata” . Uno dei rapinatori è finito in carcere a Ravenna, l’altro si trova invece piantonato in ospedale in attesa di terminare gli accertamenti sanitari
Nella notte tra sabato e domenica, alle ore 3,30 due malviventi nel parcheggio pubblico in piazzale della Resistenza, aggredivano con due pali di legno della lunghezza di oltre 150 cm, a scopo di rapina, un 31enne ed un 25enne, impiegati, che stavano lasciando la loro auto per rientrare a casa. 

Appena fermata la vettura C.A., 34enne marocchino, apriva lo sportello dalla parte del conducente, lo faceva scendere di peso dall’auto e, dopo avere messo a soqquadro l’abitacolo dell’auto senza trovare nulla lo inseguiva con il bastone, mentre E.A., 31enne anch'esso marocchino,  provava a fare la stessa cosa con il passeggero che invece riusciva a reagire. Ne scaturiva una colluttazione nella quale E.A. riportava la frattura del setto nasale con prognosi diagnostica di 30 gg., mentre le due vittime, fortunatamente, hanno riportato solo lievi contusioni.

La “gazzella”, che in quel momento transitava nel vicino viale della Stazione, interveniva immediatamente su richiesta telefonica di una delle due vittime, trovando quello col setto nasale rotto dolorante a terra, mentre l'altro, nel vano tentativo di dileguarsi, aggrediva anche i militari, uno dei quali riportava  anche delle contusioni, e venendo pertanto deferito anche per il reato di resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

Entrambi i marocchini, regolari, di fatto senza fissa dimora, nullafacenti e pluripregiudicati, sono stati arrestati per il reato di concorso in “tentata rapina aggravata” . Uno dei rapinatori è finito in carcere a Ravenna, l’altro si trova invece piantonato in ospedale in attesa di terminare gli accertamenti sanitari.