Ravenna

Vendite abusive in spiaggia

Beccato un senegalese con teli da mare e due donne che facevano le acconciatrici

Vendite abusive in spiaggia
| Altro
N. Commenti 0

28/giugno/2017 - h. 15.54

Personale a tempo determinato adibito a tale specifica attività unitamente ad operatori dell'Ufficio Polizia Commerciale e Tutela del Consumatore, ha svolto servizi tesi al rintraccio di veicoli, già da tempo monitorati dagli agenti, presumibilmente utilizzati nelle località balneari da soggetti dediti alla vendita abusiva in spiaggia.
Proprio uno dei mezzi sotto osservazione, intestato a persona di nazionalità senegalese, è stato fermato a Lido di Classe. All'interno dell'autovettura, all'atto del controllo, venivano rinvenuti una ventina di teli mare. Alla richiesta di spiegazioni degli agenti il conducente/proprietario ammetteva di svolgere l'attività di commercio abusivo: era infatti privo di qualsiasi autorizzazione. Per tale motivo è scattato a suo carico il previsto verbale con relativo sequestro della merce.
In località Casalborsetti, al bagno Adria, una pattuglia in servizio di presidio sull'area demaniale, procedeva al controllo di due donne di origine senegalese, che esercitavano l'attività di acconciatrici in spiaggia con contestuale vendita di bigiotteria per capelli. Il materiale utilizzato veniva posto sotto sequestro mentre si procedeva nei confronti delle due donne con la notifica dei relativi verbali per il commercio in area demaniale e l'esercizio abusivo dell'attività di acconciatore
Personale a tempo determinato adibito a tale specifica attività unitamente ad operatori dell'Ufficio Polizia Commerciale e Tutela del Consumatore, ha svolto servizi tesi al rintraccio di veicoli, già da tempo monitorati dagli agenti, presumibilmente utilizzati nelle località balneari da soggetti dediti alla vendita abusiva in spiaggia.

Proprio uno dei mezzi sotto osservazione, intestato a persona di nazionalità senegalese, è stato fermato a Lido di Classe. All'interno dell'autovettura, all'atto del controllo, venivano rinvenuti una ventina di teli mare. Alla richiesta di spiegazioni degli agenti il conducente/proprietario ammetteva di svolgere l'attività di commercio abusivo: era infatti privo di qualsiasi autorizzazione. Per tale motivo è scattato a suo carico il previsto verbale con relativo sequestro della merce.

In località Casalborsetti, al bagno Adria, una pattuglia in servizio di presidio sull'area demaniale, procedeva al controllo di due donne di origine senegalese, che esercitavano l'attività di acconciatrici in spiaggia con contestuale vendita di bigiotteria per capelli. Il materiale utilizzato veniva posto sotto sequestro mentre si procedeva nei confronti delle due donne con la notifica dei relativi verbali per il commercio in area demaniale e l'esercizio abusivo dell'attività di acconciatore.