Ravenna

Nuove telecamere in zona stazione: i luoghi in cui saranno installate

In tutto 26 occhi elettronici disseminati dal sottopassaggio alle vie limitrofe

Le telecamere di videosorveglianza
| Altro
N. Commenti 0

23/novembre/2018 - h. 11.57

RAVENNA - Le nuove telecamere che verranno installate nella zona Giardini Speyer nell’ambito del progetto ‘Sicurezza integrata’, recentemente approvato dalla giunta su proposta del vicesindaco Eugenio Fusignani, saranno collocate in via Pallavicini, a breve distanza dall’uscita del sottopasso ferroviario; in via Carducci, all’inizio del complesso condominiale Isola San Giovanni, circa a metà del complesso per riprendere anche l’accesso/uscita di via Monghini, verso la fine del complesso per controllare chi prosegue su via Carducci; in via San Giovanni Bosco di fronte al civico 14 per controllare sia la viabile che l’accesso al giardino Amadesi; nei pressi della basilica di San Giovanni Evangelista per il controllo dell’area verde dei Giardini Speyer; in viale Farini all’intersezione con piazza Farini per riuscire a controllare sia i movimenti dei Giardini Speyer che quelli del piazzale prospiciente la stazione ferroviaria. 

 

Il progetto ‘Sicurezza integrata’ prevede diverse tipologie di intervento - videosorveglianza, potenziamento del presidio territoriale e incontri con gli studenti delle due scuole presenti nell’area – e il progetto esecutivo relativo nello specifico all’installazione delle telecamere, del valore di 144mila euro, è stato approvato recentemente dalla giunta su proposta dell’assessore ai Lavori pubblici Roberto Fagnani.

“I punti di ripresa previsti – spiega Fagnani – sono 26, con telecamere di tipo fisso ad altissima risoluzione, equipaggiate in conformazione antivandalo e dotate di illuminatore a infrarossi per una migliore visione notturna, con una copertura fino a 50 metri. Tutte le immagini saranno visionabili sia dagli operatori della sala di controllo del comando di Polizia municipale che dagli operatori della sala controllo della Polizia di Stato e dei Carabinieri”.