cronaca

Giorgia e Davide, la procura brasiliana non molla

Dtieposita i motivi per l'annullamento dell'assoluzione ma apre nuovi scenari: "Valuteremo di lasciarli in Italia anche se condannati in appello"

Giorgia e Davide, la procura brasiliana non molla
| Altro
N. Commenti 0

07/agosto/2012 - h. 10.16

BRASILE - Se anche dovessero essere condannati in appello, la procura brasiliana valuterà di far scontare la pena a Davide Migani e Griorgia Pierguidi in Italia. Lo ha specificato la procura federale dopo la deposizione dei motivi per l’annullamento dell’assoluzione pr i due romagnoli, naufragati la vigilia del Natale scorso sulla costa del Sergipe con oltre 300 chili di cocaina. I pm, in 95 pagine, hanno infatti presentato l'atto al giudice federale per una nuova richiesta di condanna in appello.

Ripercorrendo tutte le indagini, i pm non ritengono credibile la versione di Migani, ovvero il naufragio volontario per far scoprire la droga nascosta da altri sull'Ornifle. Inoltre ci sarebbero delle discrepanze tra le testimonianze alla polizia e quelle fornite in giudizio. Infine le foto scattate dalle forze dell'ordine subito dopo il naufragio mostrerebbero le buste piene di cocaina sparse anche in scompartimenti senza serrature, di facile accesso e conosciuti solo a chi manovra l'imbarcazione.