ravenna

“Sicurezza: servono telecamere all'Ospedale"

La richiesta in Comune da parte di Pdl e Lega per porre un argine a furti, aggressioni e badanti abusive

Il pronto soccorso di Ravenna

(foto Genovesi)

| Altro
N. Commenti 0

27/novembre/2012 - h. 17.43

RAVENNA - Telecamere di videosorveglianza all'ospedale. E' quanto chiedono i capogruppo di Lega Nord (Paolo Guerra) e Pdl (Nereo Foschini). Proprio da una mozione di Guerra è nata la commissione di questa mattina in Comune, in cui si è parlato della sicurezza per gli operatori del pronto soccorso. A giugno la Lega ha presentato la mozione dopo alcune aggressioni subite dagli infermieri. “Situazioni che si aggiungono ai piccoli furti che ripetutamente sono avvenuti in alcuni reparti e al fenomeno delle cosiddette ‘badanti' che, nonostante gli sforzi profusi per organizzare questo sistema di assistenza extra, ancora oggi frequentano e controllano abusivamente e strumentalmente alcuni reparti dell'ospedale".

La commissione in Comune si è avvalsa dell'esposizione dell'ospedale, il dottor Andrea Neri che ha permesso di capire, scrive oggi Guerra in un comunicato, “quali sforzi siano stati fatti ad oggi per mettere maggiormente in sicurezza gli operatori del pronto soccorso e dell'ospedale.. Interventi che, insieme alla nuova costruzione ed organizzazione della Dea, hanno migliorato la situazione rispetto al passato". La richiesta sarebbe stata di “istituire un agente di polizia in questo reparto durante le ore notturne ma la direzione ha sopperito con un paio di persone della vigilanza privata che stazionano e partono dal dipartimento per i controlli verso altri reparti".

Le azioni e l'impegno, scrive Guerra, “ci hanno portato a ritirare la mozione ma, durante la discussione in commissione, insieme al capogruppo del Pdl abbiamo concordato di richiedere uno studio di fattibilità circa il completamento dell'installazione delle telecamere e l'adozione di un sistema di videoregistrazione limitatamente ai punti di accesso e di principale transito, in modo da arginare eventuali aggressioni, individuare gli autori dei furti nei reparti e documentare l'attività delle badanti abusive".