Rimini

Domani l’addio all’albergatore Giuseppe ‘Pucci’ Grossi

Lascia la moglie Sara e i due figli Angelo di 19 anni che si trovava con lui e Michela di 22 anni

Domani l’addio all’albergatore Giuseppe ‘Pucci’ Grossi

Giuseppe “Pucci” Grossi (foto da motorzone.it)

| Altro
N. Commenti 0

23/agosto/2016 - h. 00.35

Verranno celebrati domani mattina alle ore 10,30 presso la chiesa Santa Maria Ausiliatrice di piazza Tripoli i funerali di Giuseppe “Pucci” Grossi (nella
foto), l’albergatore riminese scomparso sabato a Badia Tedalda a causa di un malore mentre era con il figlio ed un gruppo di motociclisti in escursione.
Vincitore di decine di gare dagli anni Ottanta in poi, vincitore per sei volte del campionato italiano di rally su sterrato del quale era specialista, e vincitore
per tre volte del rally di San Marino, aveva smesso di correre nel 2013 dopo oltre 30 anni di attività agonistica.
Lascia la moglie Sara e i due figli Angelo di 19 anni che si trovava con lui e Michela di 22 anni. Lo ricorda l’assessore Brasini sulla sua pagina Facebook con queste parole: “Ciao Pucci. Grazie per la passione che ci hai trasmesso
e per due bellissime edizioni della Mille Miglia che hai vissuto con noi”.
Verranno celebrati domani mattina alle ore 10,30 presso la chiesa Santa Maria Ausiliatrice di piazza Tripoli i funerali di Giuseppe “Pucci” Grossi, l’albergatore riminese scomparso sabato a Badia Tedalda a causa di un malore mentre era con il figlio ed un gruppo di motociclisti in escursione.

Vincitore di decine di gare dagli anni Ottanta in poi, vincitore per sei volte del campionato italiano di rally su sterrato del quale era specialista, e vincitore per tre volte del rally di San Marino, aveva smesso di correre nel 2013 dopo oltre 30 anni di attività agonistica.

Lascia la moglie Sara e i due figli Angelo di 19 anni che si trovava con lui e Michela di 22 anni. Lo ricorda l’assessore Brasini sulla sua pagina Facebook con queste parole: “Ciao Pucci. Grazie per la passione che ci hai trasmessoe per due bellissime edizioni della Mille Miglia che hai vissuto con noi”.