Motori

Il motomondiale accende la città

Non solo il GP ma tutta una serie di eventi unici dedicati agli amanti delle due ruote da oggi

Il motomondiale accende la città
| Altro
N. Commenti 0

03/settembre/2016 - h. 00.49

 

E' partito con l’attesa conferenza di presentazione il countdown del Gran Premio Tim di San Marino e della Riviera di Rimini che andrà in scena al Misano World Circuit, intitolato all’indimenticato Marco Simoncelli, il weekend
del 9-10-11 settembre. Le gare di Moto3, Moto2 e MotoGp restano senza dubio l’attrazione principale di un appuntamento al quale sono legati numerosi eventi collaterali che avranno inizio già da sabato 3 settembre, quando a partire dalle 18 il Teatro Galli aprirà le proprie porte al pubblico con l’inaugurazione di “I colori del motomondiale”, un appuntamento ormai imperdibile per chi ama i motori e segue con passione la MotoGp.
Il foyer del Galli tornerà così ad ospitare per il terzo anno consecutivo nella
Sala delle Colonne le factory bikes delle squadre ufficiali partecipanti al
motomondiale: un’esposizione curata da Aldo Drudi, nella quale si potranno
ammirare le tute e i caschi indossati dai campioni. Quest’anno inoltre sarà possibile ammirare i bozzetti originali realizzati da Drudi per i piloti e soprattutto si potrà vedere da vicino la “Burasca 1200”, la special concepita
partendo dalla Honda VFR 1200 ideata dal designer romagnolo e realizzata
nell’Air Garage, un container di 70 metri quadri con struttura gonfiabile posizionato sul tetto del Museo della Città di Rimini.
In contemporanea, nella Sala Ressi, apertura di “Rimini Racing Shot”, il
contest per raccontare attraverso le immagini oltre 40 anni di storia del
circuito Marco Simoncelli di Misano Adriatico. E’ questo il tema scelto per
l’edizione 2016 del contest fotografico internazionale ideato da Gigi Soldano,
uno dei decani della fotografia ‘in pista’, organizzato dal Comune di Rimini
in collaborazione con Nikon Italia e Dorna. La mostra sarà aperta al pubblico fino all’11 settembre, mentre la premiazione dei vincitori di Rimini Racing Shot è in programma giovedì 8 negli spazi della mostra.
Anche La Far, Fabbrica Arte Rimini, in piazza Cavour si apre al mondo dei
motori ospitando dal 3 all’11 settembre l’esposizione di 12 capolavori firmati
dal riminese Massimo Tamburini, uno dei più apprezzati tecnici e designer di moto al mondo, scomparso nel 2014. Una mostra che sarà resa unica dal disvelamento in anteprima mondiale (giovedì 8, ore 20.30) della sua ultima realizzazione, la T12, una moto supersportiva nata per la pista e spinta dal motore BMW 1000 derivato dalla Sbk. Accanto a quella che avrebbe dovuto essere la moto “senza compromessi” di Tamburini, anche gli altri modelli nati dal suo ingegno. 
Modelli che hanno segnato la storia delle due ruote nel mondo. Nei 35 anni di attività nel settore motociclistico, le moto progettate da Tamburini, che nel 2012 ha ricevuto dal Comune di Rimini il Sigismondo d’Oro, il massimo
riconoscimento cittadino, “per aver saputo raccontare, attraverso creature a due ruote da antologia, uno degli amori più grandi che accomuna le nostre genti”, hanno vinto 18 titoli mondiali, 20 italiani e diversi altri titoli Internazionali. Sono 37 invece i piloti che hanno avuto l’onore di gareggiare in sella alle sue moto.
Sempre giovedì 8, alle 11.30 in piazza Cavour, è invece in programma “Vieni
oltre nella Rider’s Land”, la MotoGP raccontata con la street art, uno degli eventi in collaborazione con Dorna Sport in cui la passione di questo territorio per i motori viene raccontata da sei street artist. Al loro fianco sei piloti che metteranno la loro firma sulle opere che poi verranno messe all’asta attraverso la piattaforma Charity Stars nell’ambito del progetto Kiss Misano. Il ricavato andrà a favore delle popolazioni colpite dal terremoto.
Infine sabato 10 settembre due importanti appuntamenti concluderanno, in attesa degli esiti sportivi del Gran Premio di Misano che si correrà domenica 11, la settimana riminese dedicata al mondo dei motori: la presentazione in anteprima del libro “L’era d’oro di Bimota” in programma alle ore 18 negli spazi del Teatro Galli di Piazza Cavour, in cui Giuseppe Morri, uno dei fondatori dell’azienda riminese, porterà la propria testimonianza diretta raccontata da Saverio Livolsi, e alle ore 19 sempre in piazza Cavour la Celebrazione del 25° Anniversario Bimota Club Germania (BCD).
“Un palinsesto di iniziative - commenta il sindaco Gnassi - a conferma di uno sforzo che anno dopo anno si rafforza anche grazie alla qualità di eventi come questi. Si potrebbero sciorinare numeri importanti, ma quello che accade attorno alla MotoGp non è solo una straordinaria opportunità per il nostro territorio capace d’attrarre in un periodo come quello di settembre
centinaia di migliaia di persone. E’ anche il riconoscimento di una delle caratteristiche proprie della nostra gente, l’amore per il motore che fa di questa terra un concentrato unico di tecnologia e passione, di sentimento e prestazioni capace d’inserirsi in un percorso di valorizzazione turistica che ha nella Motor Valley uno dei suoi principali asset di promozione e che, con queste iniziative - conclude il primo cittadino - contribuiamo a raccontare”.
E' partito con l’attesa conferenza di presentazione il countdown del Gran Premio Tim di San Marino e della Riviera di Rimini che andrà in scena al Misano World Circuit, intitolato all’indimenticato Marco Simoncelli, il weekenddel 9-10-11 settembre. Le gare di Moto3, Moto2 e MotoGp restano senza dubio l’attrazione principale di un appuntamento al quale sono legati numerosi eventi collaterali che avranno inizio già da oggi a Rimini, quando a partire dalle 18 il Teatro Galli aprirà le proprie porte al pubblico con l’inaugurazione di “I colori del motomondiale”, un appuntamento ormai imperdibile per chi ama i motori e segue con passione la MotoGp.

 

Il foyer del Galli tornerà così ad ospitare per il terzo anno consecutivo nella Sala delle Colonne le factory bikes delle squadre ufficiali partecipanti al motomondiale: un’esposizione curata da Aldo Drudi, nella quale si potranno ammirare le tute e i caschi indossati dai campioni. Quest’anno inoltre sarà possibile ammirare i bozzetti originali realizzati da Drudi per i piloti e soprattutto si potrà vedere da vicino la “Burasca 1200”, la special concepita partendo dalla Honda VFR 1200 ideata dal designer romagnolo e realizzata nell’Air Garage, un container di 70 metri quadri con struttura gonfiabile posizionato sul tetto del Museo della Città di Rimini.

In contemporanea, nella Sala Ressi, apertura di “Rimini Racing Shot”, ilcontest per raccontare attraverso le immagini oltre 40 anni di storia del circuito Marco Simoncelli di Misano Adriatico. E’ questo il tema scelto perl’edizione 2016 del contest fotografico internazionale ideato da Gigi Soldano,uno dei decani della fotografia ‘in pista’, organizzato dal Comune di Riminiin collaborazione con Nikon Italia e Dorna. La mostra sarà aperta al pubblico fino all’11 settembre, mentre la premiazione dei vincitori di Rimini Racing Shot è in programma giovedì 8 negli spazi della mostra.

Anche La Far, Fabbrica Arte Rimini, in piazza Cavour si apre al mondo dei motori ospitando dal 3 all’11 settembre l’esposizione di 12 capolavori firmati dal riminese Massimo Tamburini, uno dei più apprezzati tecnici e designer di moto al mondo, scomparso nel 2014. Una mostra che sarà resa unica dal disvelamento in anteprima mondiale (giovedì 8, ore 20.30) della sua ultima realizzazione, la T12, una moto supersportiva nata per la pista e spinta dal motore BMW 1000 derivato dalla Sbk. Accanto a quella che avrebbe dovuto essere la moto “senza compromessi” di Tamburini, anche gli altri modelli nati dal suo ingegno. 

Modelli che hanno segnato la storia delle due ruote nel mondo. Nei 35 anni di attività nel settore motociclistico, le moto progettate da Tamburini, che nel 2012 ha ricevuto dal Comune di Rimini il Sigismondo d’Oro, il massimo riconoscimento cittadino, “per aver saputo raccontare, attraverso creature a due ruote da antologia, uno degli amori più grandi che accomuna le nostre genti”, hanno vinto 18 titoli mondiali, 20 italiani e diversi altri titoli Internazionali. Sono 37 invece i piloti che hanno avuto l’onore di gareggiare in sella alle sue moto.

Sempre giovedì 8, alle 11.30 in piazza Cavour, è invece in programma “Vieni oltre nella Rider’s Land”, la MotoGP raccontata con la street art, uno degli eventi in collaborazione con Dorna Sport in cui la passione di questo territorio per i motori viene raccontata da sei street artist. Al loro fianco sei piloti che metteranno la loro firma sulle opere che poi verranno messe all’asta attraverso la piattaforma Charity Stars nell’ambito del progetto Kiss Misano. Il ricavato andrà a favore delle popolazioni colpite dal terremoto.

Infine sabato 10 settembre due importanti appuntamenti concluderanno, in attesa degli esiti sportivi del Gran Premio di Misano che si correrà domenica 11, la settimana riminese dedicata al mondo dei motori: la presentazione in anteprima del libro “L’era d’oro di Bimota” in programma alle ore 18 negli spazi del Teatro Galli di Piazza Cavour, in cui Giuseppe Morri, uno dei fondatori dell’azienda riminese, porterà la propria testimonianza diretta raccontata da Saverio Livolsi, e alle ore 19 sempre in piazza Cavour la Celebrazione del 25° Anniversario Bimota Club Germania (BCD).

“Un palinsesto di iniziative - commenta il sindaco Gnassi - a conferma di uno sforzo che anno dopo anno si rafforza anche grazie alla qualità di eventi come questi. Si potrebbero sciorinare numeri importanti, ma quello che accade attorno alla MotoGp non è solo una straordinaria opportunità per il nostro territorio capace d’attrarre in un periodo come quello di settembrecentinaia di migliaia di persone. E’ anche il riconoscimento di una delle caratteristiche proprie della nostra gente, l’amore per il motore che fa di questa terra un concentrato unico di tecnologia e passione, di sentimento e prestazioni capace d’inserirsi in un percorso di valorizzazione turistica che ha nella Motor Valley uno dei suoi principali asset di promozione e che, con queste iniziative - conclude il primo cittadino - contribuiamo a raccontare”.