Riccione

E’ Sabrina Vescovi il candidato sindaco del Pd

Si delinea uno scontro tutto al femminile nella Perla Verde con il sindaco uscente Renata Tosi

E’ Sabrina Vescovi il candidato sindaco del Pd

Sabrina Vescovi

| Altro
N. Commenti 0

23/marzo/2017 - h. 12.54

Il Pd ha scelto il suo candidato sindaco a Riccione, è Sabrina Vescovi, 47 anni, è mamma di due figli: Alice di 15 anni e Filippo di 13. Laureata in giurisprudenza, è imprenditrice e ricopre ruoli di primaria responsabilità in un gruppo di aziende operante nel settore delle telecomunicazioni professionali. E’ componente del Consiglio della camera di Commercio di Rimini/Forlì/Cesena in rappresentanza di Confindustria Romagna, dove è Presidente della sezione Terziario.
La scelta è stata fatta nella direzione di partito che si è tenuta ieri sera nella sede del circolo di San Lorenzo. Dopo un percorso di consultazioni interne al partito è emerso il nome della Vescovi che la direzione ha approvato all’unanimità. “Con la candidatura di ieri sera il Pd mette a disposizione della città una personalità di primo piano, di grande esperienza amministrativa e con un’importante visione della città. – Sottolinea il segretario del Pd Marco Parmeggiani. - Sabrina Vescovi è la proposta di candidatura che il Pd mette a disposizione per elaborare e irrobustire il confronto programmatico con movimenti, associazioni e partiti per le elezioni riccionesi. Col mandato ottenuto stasera dalla direzione, potrà agire con piena autorevolezza sia per rafforzare la coalizione con Patto Civico-Oltre, Immagina Riccione e tutta la sinistra riccionese, sia per valutare eventuali nuove alleanze”.
 
“Lavorerò fin da subito per rinsaldare questa coalizione, che è fondamenta di un progetto politico che si basa sulla forte esperienza di governo del Pd e sulla capacità del mondo civico di rappresentare le istanze sociali ed economiche della città. La giunta Tosi ha purtroppo in questi anni determinato il blocco e il declino della città isolando e dividendo la società riccionese invece di utilizzare le grandi risorse che da sempre la caratterizzano. Riccione, che è città internazionale, deve aprirsi e non chiudersi. – Afferma la stessa Sabrina Vescovi, che spiega: - “Il progetto di alleanza con Patto Civico-Oltre, Immagina Riccione e le forze della sinistra, vuole rappresentare al meglio la vitalità e le risorse della società riccionese, nella consapevolezza della necessità di rendere la proposta politica, ancora più forte, e ancor più attinente alle diverse sensibilità della città e di un mondo in evoluzione. In questo senso va letta la scelta del Pd di mettere a disposizione la mia candidatura o di aprirsi a valutare la disponibilità di altre candidature capaci di rappresentare l’intera coalizione e la complessità sociale ed economica della città e in grado di esprimere un profilo di competenza e capacità amministrative solide, per permettere a Riccione di rimettersi subito in cammino”. 
 
Sabrina Vescovi  nella sua attività politica è stata Consigliere comunale dal 1992 al 1995. Presidente del consiglio comunale dal 1995 al 1997 e consigliere delegato al patrimonio dal 1997 al 1999. Presidente del consiglio comunale dal 1999 al 2004 Assessore alla Pubblica Istruzione dal 2004 al 2009.
Il Pd ha scelto il suo candidato sindaco a Riccione, è Sabrina Vescovi, 47 anni, è mamma di due figli: Alice di 15 anni e Filippo di 13. Laureata in giurisprudenza, è imprenditrice e ricopre ruoli di primaria responsabilità in un gruppo di aziende operante nel settore delle telecomunicazioni professionali. E’ componente del Consiglio della camera di Commercio di Rimini/Forlì/Cesena in rappresentanza di Confindustria Romagna, dove è Presidente della sezione Terziario.

La scelta è stata fatta nella direzione di partito che si è tenuta ieri sera nella sede del circolo di San Lorenzo. Dopo un percorso di consultazioni interne al partito è emerso il nome della Vescovi che la direzione ha approvato all’unanimità. “Con la candidatura di ieri sera il Pd mette a disposizione della città una personalità di primo piano, di grande esperienza amministrativa e con un’importante visione della città. – Sottolinea il segretario del Pd Marco Parmeggiani. - Sabrina Vescovi è la proposta di candidatura che il Pd mette a disposizione per elaborare e irrobustire il confronto programmatico con movimenti, associazioni e partiti per le elezioni riccionesi. Col mandato ottenuto stasera dalla direzione, potrà agire con piena autorevolezza sia per rafforzare la coalizione con Patto Civico-Oltre, Immagina Riccione e tutta la sinistra riccionese, sia per valutare eventuali nuove alleanze”. 

“Lavorerò fin da subito per rinsaldare questa coalizione, che è fondamenta di un progetto politico che si basa sulla forte esperienza di governo del Pd e sulla capacità del mondo civico di rappresentare le istanze sociali ed economiche della città. La giunta Tosi ha purtroppo in questi anni determinato il blocco e il declino della città isolando e dividendo la società riccionese invece di utilizzare le grandi risorse che da sempre la caratterizzano. Riccione, che è città internazionale, deve aprirsi e non chiudersi. – Afferma la stessa Sabrina Vescovi, che spiega: - “Il progetto di alleanza con Patto Civico-Oltre, Immagina Riccione e le forze della sinistra, vuole rappresentare al meglio la vitalità e le risorse della società riccionese, nella consapevolezza della necessità di rendere la proposta politica, ancora più forte, e ancor più attinente alle diverse sensibilità della città e di un mondo in evoluzione. In questo senso va letta la scelta del Pd di mettere a disposizione la mia candidatura o di aprirsi a valutare la disponibilità di altre candidature capaci di rappresentare l’intera coalizione e la complessità sociale ed economica della città e in grado di esprimere un profilo di competenza e capacità amministrative solide, per permettere a Riccione di rimettersi subito in cammino”.  

Sabrina Vescovi  nella sua attività politica è stata Consigliere comunale dal 1992 al 1995. Presidente del consiglio comunale dal 1995 al 1997 e consigliere delegato al patrimonio dal 1997 al 1999. Presidente del consiglio comunale dal 1999 al 2004 Assessore alla Pubblica Istruzione dal 2004 al 2009.