Riccione

Muore dopo aver bevuto da una bottiglia

Un 54enne di San Clemente, dopo aver ingerito quella che credeva una bibita è stato colto da dolori lancinanti

Muore dopo aver bevuto da una bottiglia

Foto di repertorio

| Altro
N. Commenti 0

27/aprile/2017 - h. 11.20

 

Quello che doveva essere un sorso di bibita per dissetarsi si è rivelata invece un liquido fatale per Stefano Amadori, 54 anni di San Clemente, che dopo aver bevuto è stato subito assalito da forti e lancinanti dolori alla gola e allo stomaco. Chiamato il 118, l'uomo è stato trasportato d'urgenza al pronto soccorso dove i medici dell'ospedale Infermi l'hanno sottoposto ad un intervento chirurgico, ma non hanno potuto fare nulla se non constatare che quanto ingerito dall'uomo era un liquido corrosivo, forse soda caustica, che gli aveva corroso irreparabilmente alcuni organi interni. 
Purtroppo il 54enne, idraulico padre di due figli, è morto poco dopo. Questo drammatico episodio è accaduto martedì mattina verso le 12,30 e ora i Carabinieri di Riccione, dopo aver sequestrato la bottiglia di plastica da dove aveva bevuto tenteranno di capire analizzandola come possa essere accaduta quella che appare come una tragica fatalità: come mai l'uomo non si è accorto, tramite gli odori e il colore del liquido, del contenuto della bottiglia e come mai la stessa si trovasse sicuramente in un luogo dove non doveva essere. A dare risposte potranno essere solo gli esami sul liquido e  
l’autopsia sul suo corpo.
Quello che doveva essere un sorso di bibita per dissetarsi si è rivelato invece un liquido fatale per Stefano Amadori, 54 anni di San Clemente, che dopo aver bevuto è stato subito assalito da forti e lancinanti dolori alla gola e allo stomaco. Chiamato il 118, l'uomo è stato trasportato d'urgenza al pronto soccorso dove i medici dell'ospedale Infermi l'hanno sottoposto ad un intervento chirurgico, ma non hanno potuto fare nulla se non constatare che quanto ingerito dall'uomo era un liquido corrosivo, forse soda caustica, che gli aveva compromesso irreparabilmente alcuni organi interni. 

 

Purtroppo il 54enne, idraulico padre di due figli, è morto poco dopo. Questo drammatico episodio è accaduto martedì mattina verso le 12,30 e ora i Carabinieri di Riccione, dopo aver sequestrato la bottiglia di plastica da dove aveva bevuto, tenteranno di capire analizzandola come possa essere accaduta quella che appare come una tragica fatalità: come mai l'uomo non si è accorto, tramite gli odori e il colore del liquido, del contenuto della bottiglia e come mai la stessa si trovasse sicuramente in un luogo dove non doveva essere. A dare risposte potranno essere solo gli esami sul liquido e l’autopsia sul suo corpo.