Banche

Carim: via libera all'aumento di capitale sociale fino a 80 milioni di euro

In assemblea deliberata la modifica dello Statuto e delega al Consiglio di Amministrazione

Carim: via libera all'aumento di capitale sociale fino a 80 milioni di euro
| Altro
N. Commenti 0

11/agosto/2017 - h. 02.30

Si è svolta ieri pomeriggio presso il Centro Congressi SGR - Sala Energia -, l’Assemblea Straordinaria dei Soci di Banca Carim – Cassa di Risparmio di Rimini con all’ordine del giorno la proposta di attribuire al Consiglio di Amministrazione la delega ad aumentare il capitale sociale, a pagamento o gratuitamente, in una o più volte, anche in via scindibile, per un importo massimo complessivo di duecentomilioni di euro, anche mediante emissione di strumenti aggiuntivi di classe 1 (Additional Tier 1 – AT1) per un ammontare complessivo di ottantamilioni di euro, da esercitare entro 12 mesi dalla data dell’Assemblea stessa.
 
Nel corso dell’Assemblea l’Azionista Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini, considerato che nel frattempo il Gruppo bancario Crédit Agricole - CariParma ha richiesto la proroga al 30 settembre 2017 del termine di esclusiva nella trattativa concernente Banca Carim, ha presentato una mozione perchè venisse sottoposta a votazione la parte della proposta di delibera del Consiglio di Amministrazione concernente il conferimento di una delega per un aumento del Capitale Sociale fino all’importo di massimo euro ottanta milioni,  riservato allo Schema Volontario del FITD, nel contesto dell’operazione Cariparma, al fine di mantenere il rispetto dei minimi regolamentari dei coefficienti patrimoniali.
 
L’Assemblea ha approvato la mozione del socio di maggioranza con il 98,9% di voti favorevoli. Le conseguenti modifiche statutarie rimangono subordinate all’approvazione dell’Organo di Vigilanza.
 
Il Consiglio di Amministrazione, riunitosi dopo la conclusione dell'assemblea, ha deliberato di convocare nuovamente i soci per una data immediatamente successiva al 15 settembre 2017, per la integrazione dell'aumento di capitale funzionale a dare esecuzione alla Operazione allo studio con Crédit Agricole-CariParma.
Si è svolta ieri pomeriggio presso il Centro Congressi SGR - Sala Energia -, l’Assemblea Straordinaria dei Soci di Banca Carim – Cassa di Risparmio di Rimini con all’ordine del giorno la proposta di attribuire al Consiglio di Amministrazione la delega ad aumentare il capitale sociale, a pagamento o gratuitamente, in una o più volte, anche in via scindibile, per un importo massimo complessivo di duecentomilioni di euro, anche mediante emissione di strumenti aggiuntivi di classe 1 (Additional Tier 1 – AT1) per un ammontare complessivo di ottantamilioni di euro, da esercitare entro 12 mesi dalla data dell’Assemblea stessa. 

Nel corso dell’Assemblea l’Azionista Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini, considerato che nel frattempo il Gruppo bancario Crédit Agricole - CariParma ha richiesto la proroga al 30 settembre 2017 del termine di esclusiva nella trattativa concernente Banca Carim, ha presentato una mozione perchè venisse sottoposta a votazione la parte della proposta di delibera del Consiglio di Amministrazione concernente il conferimento di una delega per un aumento del Capitale Sociale fino all’importo di massimo euro ottanta milioni,  riservato allo Schema Volontario del FITD, nel contesto dell’operazione Cariparma, al fine di mantenere il rispetto dei minimi regolamentari dei coefficienti patrimoniali. 

L’Assemblea ha approvato la mozione del socio di maggioranza con il 98,9% di voti favorevoli. Le conseguenti modifiche statutarie rimangono subordinate all’approvazione dell’Organo di Vigilanza. 

Il Consiglio di Amministrazione, riunitosi dopo la conclusione dell'assemblea, ha deliberato di convocare nuovamente i soci per una data immediatamente successiva al 15 settembre 2017, per la integrazione dell'aumento di capitale funzionale a dare esecuzione alla Operazione allo studio con Crédit Agricole-CariParma.